Roma è la Capitale d’Italia ma secondo i report dell’ultimo Internet Security Threat, è anche la capitale dei virus. Il documento è stato elaborato dalla Symantech sulla base di un censimento dei computer infetti a livello mondiale.

Nell’Internet Security Threat Report della Symantech, contenente il bilancio sulla diffusione mondiale dei virus nel 2011, si spiega che Roma è la città con il maggior numero di computer infetti. Il riferimento geografico è l’area Emea che comprende Europa, Medio Oriente ed Africa. L’Italia, come Roma, è al primo posto.

Se invece si fa riferimento al mondo intero allora Roma e l’Italia arrivano al secondo posto assoluto dopo Taipei e Taiwan.

I computer infetti presi in esame dalla Symantech sono quelli in cui ad insaputa dell’utente è istallato un malware che poi consente agli hacker di usare i dispositivi a loro piacimento.

Dopo Roma, in Italia, figurano Milano, Cagliari, Arezzo e Bolzano, ben distanti dalla capolista. Il nostro paese è sotto attacco ma è anche attaccato visto che il 4 per cento dello spam e del phishing è tricolore.

A suffragare questa considerazione c’è il fatto che dopo l’inglese, l’italiano è la lingua più usata nei messaggi di spam. A livello mondiale, comunque, gli attacchi informatici sono cresciuti dell’81 per cento, una crescita esponenziale rispetto agli anni precedenti.