Cominciamo bene la prossima settimana, mettiamo il tassametro ai nostri clienti! Ho preso questa decisione fra il serio e il faceto circa un mese fa, quando avevo l’esigenza di rendermi conto quanto lavorassi per un cliente e se il tempo impegnato a seguirlo fosse adeguato alla retribuzione concordata. Ho discusso della cosa con degli amici e ho scoperto che si tratta di un’esigenza parecchio diffusa. Vi spiego dunque come ho risolto io.

L’app che per il momento soddisfa appieno le mie esigenze si chiama Timely. Nella versione gratuita consente di gestire fino a tre progetti attivi per account. Per avere un numero illimitato di progetti occorre pagare 14 dollari al mese (10 dollari ora che è in promozione). L’app è utilizzabile sia su web che su iPhone. Per ogni cliente potete impostare il prezzo concordato per un’ora di lavoro sulla base di quanto vi darà e quanto pensate di lavorarci. Quando iniziate a fare qualcosa per quel cliente avviate il timer. Quando finite, mettete in pausa. Potete segnare nelle note quello che avete fatto e monitorare nel calendario quanto tempo gli state dedicando ogni giorno. Se volete, potete impostare anche un time budget che vi consentirà di monitorare in percentuale quante ore avete speso su un progetto rispetto a quelle previste. Potete anche prevedere un numero totale di ore di lavoro per ogni singola parte del progetto, segnarle sul calendario e poi monitorare quanto lavoro vi manca da fare in base alle vostre previsioni.

Il sistema prevede dei report per vedere quanto tempo avete speso su un cliente e ricapitolare che cosa avete fatto, quando e per quanto tempo. Automaticamente viene calcolato quanto avrebbero dovuto pagarvi, considerate le ore lavoro impiegate. Così vi fate un’idea se il prezzo che gli state facendo è giusto. Chiaramente, dovete tracciare ogni singola attività, compreso il tempo speso a rispondere alle email e alle telefonate, altrimenti non ci rientrate. Fatto con regolarità però questo aiuta ad avere sempre sotto controllo il proprio lavoro.

Se non volete pagare per l’account PRO, potete sempre creare due account diversi: ogni account avrà la propria dashboard. Con la versione gratuita potete avere al massimo tre progetti attivi e sempre comunque un numero illimitato di clienti.

Se vi siete appena gettati un’attività da free lance, vi consiglio di dare un occhio anche a Time Rescue, che vi permetterà di monitorare come spendete il tempo al vostro computer, e di individuare un sistema di task management che vi aiuterà a essere maggiormente produttivi (potete a proposito leggere la nostra comparativa fra Omnifocus, Things e Todo).

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+