Dalla mente di quattro giovani italiani è nata l’applicazione RipCemetery, un cimitero virtuale dove le persone possono rinchiudersi e pensare ai propri cari defunti. Un luogo, insomma, per pregare e condividere le emozioni legate ai propri cari: video, foto e addirittura un muro della memoria, dove si possono lasciare messaggi di ricordo.

Un’idea tutta italiana

L’App RipCemetery è nata, come detto, dalla testa di quattro ragazzi italiani, che ora hanno fatto partire la propria campagna di crowdfunding su internet. Un’idea nata per device e sistemi operativi vari: da Android a iOS, senza dimenticare Microsoft e affini. I quattro ragazzi in questione si chiamano Jacopo Vitali, Gianluca Tomasi, Vittoria Tomasi e Barbara Travagli.

L’idea di base, anche se bizzarra, è comunque geniale al tempo stesso, perché permette a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, di poter avere un posto virtuale nel quale lasciare messaggi di cordoglio, condividere esperienze della persona che non c’è più e soprattutto avere un posto dove poter fare tutto questo.

L’esperienza base della nuova App

La genesi della App l’hanno raccontata gli stessi ideatori a Diregiovani: un progetto nato dall’idea di Jacopo Vitali, che in seguito alla perdita prematura del cugino ha voluto trovare un modo per rendere vivo il suo ricordo attraverso la condivisione di emozioni e altro.

Tra le funzioni di RipCemetery il memory wall, biography function e photo & video: “Naturalmente- spiega Jacopo Vitali- per poter sviluppare il progetto e portarlo su scala mondiale occorre avere a disposizione risorse che attualmente non abbiamo, per questo abbiamo pensato ad una campagna di crowdfunding”.