Gmail è un client di posta estremamente potente e flessibile tanto da essere utilizzato anche a livello professionale. Utilizzandolo in maniera massiccia, può capitare, però, di avere un po’ di problemi nell’individuare vecchi messaggi, soprattutto quando gli utenti devono destreggiarsi tra migliaia di email. Fortunatamente Gmail offre un motore di ricerca che se utilizzato in maniera intelligente permette di trovare facilmente anche l’email più vecchia o più ostica da individuare.

Il motore di ricerca di Gmail consente infatti di poter utilizzare “operatori per la ricerca avanzata“, cioè parole o simboli di interrogazione che eseguono operazioni speciali durante le ricerche in Gmail. Questi operatori permettono di trovare con rapidità e precisione tutto quello che si vuole cercare. Inoltre, tali termini possono anche essere utilizzati per impostare filtri che permettano di organizzare in modo automatico la posta in arrivo.

Gmail: ricerca avanzata

All’interno del suo sito di supporto, Google offre un elenco di questi “operatori per la ricerca avanzata” che devono essere inseriti all’interno del campo di ricerca prima del termine da ricercare. Per esempio, l’operatore “from:” (from:amelia) consente di ricercare tutti i messaggi inviati da Amelia. Oppure, l’operatore “subject:” (subject:cena) permette di cercare tutta la corrispondenza che include nell’oggetto il termine “cena”.

Gli operatori possono anche essere combinati tra loro. Per esempio combinando l’operatore “from:” con l’operatore “has:attachment” (per la ricerca degli allegati) è possibile trovare tutti i messaggi inviati da un certo utente che includono un allegato (from:davide has:attachment).

L’elenco degli “operatori per la ricerca avanzata” è lunghissimo ed il suggerimento è quello di visitare il sito di supporto di Gmail per studiarselo ed eventualmente segnarsi tutti gli operatori che potrebbero far comodo per il proprio utilizzo tipo di Gmail.

Trattasi, dunque, di ottimi strumenti per rendere maggiormente agevole l’utilizzo di Gmail, soprattutto in ambito professionale, quando è importante mettere un po’ di ordine all’interno del proprio account di posta elettronica.

Gli operatori, come accennato all’inizio, possono essere anche utilizzati per creare filtri, cioè per organizzare automaticamente la posta in arrivo. Gli utenti potranno, per esempio, creare filtri affinché tutti i messaggi provenienti da un determinato contatto arrivino in una precisa cartella e così via.

Gmail si dimostra, dunque, ancora una volta come un servizio di posta che non ha nulla ad invidiare per flessibilità e potenzialità a tutte le altre soluzioni disponibili in rete, spesso a pagamento.