Oggi quasi tutti sono impegnati a scartare i regali di Natale e, come agli altri autori, m’è stato chiesto cosa volessi ricevere oppure cos’ho ricevuto o mi sono auto-regalato. Non è il periodo dell’anno che preferisco, aperta e chiusa parentesi, ma non voglio certo rovinarvi la festa: parlando di tecnologia, credo che ognuno di noi vorrebbe un Paese davvero digitale. Il regalo che vorrei, però, è un po’ più futuristico anche se è apparso nel 2010. Uno smartphone che possa sostituire qualunque altro dispositivo in mio possesso.

Mi riferisco a Seabird, un prototipo concepito da Billy May per Mozilla Labs. Nel 2010 non era ancora stato presentato Firefox OS, il sistema operativo che arriverà nel 2013 con Telecom Italia, ma fu pubblicato un video dimostrativo di quello che considero lo smartphone del futuro: Seabird è un dispositivo che può sostituire il desktop grazie alla tastiera QWERTY a infrarossi e un proiettore alternativo al monitor. Avrebbe una fotocamera posteriore da 8Mpixel e una specie di mouse estraibile, insieme alla superficie multi-touch.

Mozilla Seabird non ha alcuna possibilità d’entrare in produzione per com’era stato concepito. Tuttavia, penso che prima o poi qualcuno inizierà a produrre qualcosa del genere: Google e Motorola su Android sono i più probabili perché Apple oppure Microsoft rovinerebbero il mercato di desktop, laptop e tablet oltre all’indotto degli schermi, dei mouse e delle tastiere. Uno smartphone simile all’uscita avrebbe un costo proibitivo, ma sul medio periodo farebbe risparmiare migliaia di euro. La tecnologia e il software esistono già.