La nuova generazione ha raggiunto gli scaffali dei negozi. In questo articolo vi diremo quali sono i punti di forza che vi porterebbero a scegliere Xbox One.

La nuova console progettata da Microsft è un dispositivo All-in-One che proietta il mondo console ad una più ampia dimensione d’intrattenimento. Xbox One infatti non è una semplice macchina da gioco, ma è un vero e proprio box multimediale che permette all’utente di eseguire diverse operazioni, che trascendono il solo ambito videoludico.

Con il gioiellino tecnologico di casa Redmond si potranno effettuare videoconferenze via Skype, noleggiare e acquistare film e serie tv anche in HD su Xbox Video, ascoltare musica in streaming alla stregua di Spotify grazie a Xbox Music (abbonamento a pagamento: 1 mese 9.99 euro – 12 mesi 99.90 euro) e navigare sul browser Internet Explorer. Sarà inoltre possibile collegare un decoder o il digitale terrestre per vedere tutti i programmi in onda direttamente sulla console, mentre si gioca o si eseguono altre operazioni. Sì, perché grazie ad un hardware di qualità (processore AMD 8-core da 1.75Ghz e chip grafico AMD Radeon da 853Mhz all’interno di una soluzione APU, 8 GB di RAM DDR3) la nuova console sarà in grado di gestire due azioni in parallelo.

Gli amanti della tecnologia 3D rimarranno però delusi: Microsoft ha dichiarato che, almeno per ora, non sarà possibile giocare o vedere film in tre dimensioni. Potrebbe comunque diventare presto disponibile con un aggiornamento software. Sarà invece supportata la risoluzione Ultra HD, ovviamente solo per chi ha la fortuna (e il portafogli) di avere un televisore che disponga della funzione 4K.

Alla dotazione si aggiunge anche Kinect 2.0, la seconda versione del controller di movimento targato Microsoft, che risulta più preciso grazie ad una videocamera full HD, un sensore termico e uno ad infrarossi che permettono alla periferica di captare la figura del giocatore in qualsiasi condizione, anche a luci spente. Grazie ai comandi vocali, moltissime operazioni potranno essere eseguite con la propria voce, ad esempio, spegnere la console o avviare un’applicazione in parallelo. Le potenzialità dell’hardware in questione sono indiscutibili, sarà da vedere in che modo Microsoft e i team di sviluppo di terze parti sapranno sfruttare il device con titoli dedicati, al contrario di quanto accadde invece con il primo Kinect: quasi sempre relegato all’esecuzione di compiti secondari.

Interessante l’evoluzione del controller, che pur mantenendo la stessa linea del predecessore presenta un desing leggermente più morbido ed ergonomico che garantisce maggior aderenza e maneggevolezza. Migliorata e più precisa la croce direzionale, vero e proprio tallone d’Achille del vecchio modello.

Considerazioni finali

Se avete intenzione di piazzare in salotto un dispositivo All-in-One capace di gestire diverse operazioni come video chiamate, film, musica, anche in contemporanea, allora Xbox One fa al caso vostro. Ovviamente il lato gaming non viene trascurato, e potrete già divertirvi con i migliori titoli in circolazione, compresa una manciata di esclusive davvero interessanti. Il prezzo di 499 euro potrebbe scoraggiare alcuni potenziali acquirenti (visto e considerato che la concorrente PlayStation 4 costa cento euro in meno), ma la presenza del Kinect e dei numerosi servizi multimediali potrebbe far dimenticare l’esborso supplementare.

Abbiamo già parlato dei videogiochi disponibili al lancio.