Yourp è il nome di una nuova app apparsa di recente sul Google Play Store, che permette di lasciare lasciare dei messaggi geolocalizzati ovunque andiamo o in luoghi precedentemente visitati. Questi messaggi, chiamati print, saranno disponibili agli utenti dell’app che potranno consultarli. I print potranno essere rappresentati sia da semplici file di testo ma anche delle immagini, perché si sa che a volte un’immagine parla più di mille parole. Quando ci recheremo in un posto ove è presente un print, l’app ci avviserà della sua presenza e ci chiederà se vogliamo consultarlo.

L’app, che ho avuto modo di provare di recente a Milano, è molto ben fatta. La UI è semplice ma allo stesso tempo molto efficace. L’app permette inoltre di interagire e creare una vera e propria comunità con tutti gli altri utenti Yourp. È possibile infatti aggiungere degli amici e  interagire con loro tramite dei messaggi. Tra le altre funzionalità, messe a disposizione troviamo la classica mappa, la realtà aumentata (veramente geniale) per visualizzare in maniera differente dove siamo e la possibilità di controllare i nostri print o di gestire i preferiti.

VOTO: 

Il progetto  è nato da una giovane startup Italiana che ha attratto la mia attenzione, così ho voluto contattare il CEO di Yourp, Stefano Covolan al quale ho posto qualche domanda. Ecco qua una mia breve intervista.

Ciao Stefano, lieto di conoscerti. Presentati ai nostri lettori.

Ciao a tutti e grazie mille per l’opportunità. Sono Stefano Flavio Covolan, 22 anni e studio Economia delle Imprese e dei Mercati alla Cattolica di Milano. Sono rientrato da poco da un periodo in Cina,dove ho studiato finanza presso la Jiangxi University of Finance and Economics grazie ad una borsa di studio. Adoro il mondo della tecnologia e tutto quello che ruota intorno ad essa, sono un grande amante di Android e dei Blackberry (anche se negli ultimi tempi guardo sempre in basso quando lo dico). Sono cresciuto con i videogame e a causa delle troppe ore spese a giocare non ho mai imparato a programmare. Per ultimo ma non ultimo adoro passare il tempo su Twitter. 

Ho visto e provato Yourp. Ma cosa è nello specifico Yourp?

Yourp è un’app Android utile per lasciare una traccia di se stessi nei luoghi che preferiamo. Permette di lasciare dei post-it virtuali, privati o pubblici, in un luogo a nostro piacimento; in alternativa, attraverso la realtà aumentata, trasformare un luogo di nostro interesse in una bacheca virtuale geolocalizzata. Pensiamo che oggigiorno i luoghi a noi cari siano lasciati un po’ a loro stessi e con Yourp abbiamo cercato di costruire un sistema che permettesse alle persone di valorizzare i ricordi che hanno dei luoghi che frequentano; non voglio parlare della discoteca di classe in cui si condivide la posizione su Forsquare, ma della panchina in cui si è stati seduti con la propria ragazza per un intero pomeriggio e di conseguenza si decide di lasciare un Print privato a lei, oppure, della piazza in cui è successo un fatto divertente e vogliamo ricordarlo ai nostri amici, proprio in quel posto allora, attraverso la realtà aumentata, caricheremo le foto di quel fatto e condivideremo i nostri ricordi con i nostri amici.

Come è nato Yourp?

Yourp nasce una sera, mentre camminavo a Milano ho sentito il desiderio di condividere un pensiero ma di lasciarlo proprio in quel posto, non volevo postare nulla su Twitter come al mio solito e mi divertiva molto pensare che qualcuno avrebbe potuto rispondere magari il giorno dopo. Successivamente con Francesco (COO) ed il resto del team abbiamo modificato moltissimo l’idea di partenza e dopo molti mesi di lavoro siamo giunti al core che oggi è possibile vedere nell’app.

Ho avuto modo di provare l’app e mi è piaciuta. Se te lo posso chiedere, quali feature inserirete nella/e prossima/e release?

Sono felice che ti sia piaciuta l’app. Con l’ultimo aggiornamento abbiamo introdotto 2 funzioni secondo noi molto importanti: la prima, il reminder, ovvere la possibilità di lasciare dei Print a se stessi in modo da ricordarsi le cose esattamente nel luogo in cui ci serve ricordarle; la seconda è invece la funzione “invisibile” in modo da non essere sempre visibili ai nostri amici sulla mappa.

Con le prossime versioni vogliamo assolutamente migliorare il sistema di registrazione tramite Facebook per renderlo molto più immediato e comodo, sempre sul lato social vogliamo fare in modo che al primo login vengano visualizzati i nostri amici di FB che già utilizzano l’app e la possibilità di inviare, agli altri, un invito a scaricare l’app .

Abbiamo tradotto l’app in molte lingue e poco alla volta inizieremo ad aggiungerle agli aggiornamenti, ma visto il Live appena partito vogliamo prima concentrarci sul mercato italiano.

Vogliamo poi continuare a seguire i feedback degli utenti e modificare l’app man mano in modo da creare un’app che sia il più adatta possibile ai nostri utenti. Uno dei nostri obiettivi è fare in modo che le persone si divertano e sorridano mentre usano l’app quindi cerchiamo di dialogare il più possibile con gli utenti in modo da ricevere suggerimenti di gruppo e valutare poi le modifiche da fare; sulla base di questo invito pure, chi volesse, a scriverci su Twitter o Facebbok.

A cosa puntate, quali sono i progetti per il futuro? Come vedi Yourp tra tre-quattro anni?

Puntiamo ad essere startuppers di professione, questo 2013 è per noi l’anno della ricerca dei fondi, vogliamo dedicarci full time a questo progetto perché ci piace e ci regala ogni giorno tantissime emozioni. 3-4 anni è sicuramente un lungo periodo, in 3 anni molte Startup spariscono, quindi direi che in 3-4 anni spero di vedere Yourp ancora in piedi perché questo significherebbe che in parte abbiamo coronato un sogno. Quello a cui puntiamo è costruire un’app che le persone possano amare, se riuscissimo a costruire qualcosa che dia il sorriso alle persone, ci sentiremmo veramente realizzati come persone.