L’aveva già detto quando si è ammalato di tumore al pancreas, quando ha dovuto subire un trapianto di fegato e nonostante la riabilitazione è tornato immediatamente all’opera: non potrò rispettare per sempre gli impegni presi come ad di Apple.Steve Jobs ha lasciato a dipendenti, azionisti e manager una lettera molto toccante in cui spiega i motivi delle sue dimissioni.

C’è di mezzo la salute, per problemi legati alla condizione psicofisica, Steve Jobs non se la sente più di guidare la casa di Cupertino.

L’Apple passa nelle mani del nuovo Ad, Tim Cook, tre anni più giovane di Jobs, che ha guidato l’azienda da quando il dimissionario si è ammalato.

Rare le sue apparizioni, concrete le sue proposte. Cook sarà il nuovo Ad di Apple e Steve Jobs conserverà la carica di Presidente.

Dopo l’annuncio delle dimissioni, le contrattazioni svolte alla chiusura del mercato, hanno determinato una flessione del titolo Apple in borsa.

I fan si sono scatenati in rete con messaggi di solidarietà per l’innovatore che ha saputo diventare un’icona nel mondo tecnologico e non solo.

Cook, da parte sua, dopo aver messo a soqquadro i comparti della produzione e della distribuzione di Apple, è chiamato a rispondere alle esigenze di innovazione di dipendenti, soci e acquirenti.

Cosa cambierà per i fan della Mela morsicata?