Da qualche giorno, la fondazione di Raspberry Pi ha iniziato a distribuire il Camera Module: una fotocamera da 5Mpixel che può registrare filmati in Full HD a 1080p. Compatibile con tutti i modelli e le revisioni della board, è in listino su RS Components oppure Premier Farnell/Element 14 a £19.24. Non ho voluto parlarne subito, perché l’utilità di Raspberry Pi o dei relativi componenti è spesso confusa con quella dei mini-PC e non intendo assecondare fraintendimenti del genere. Ho comunque deciso d’acquistare il Camera Module.

Perché associare il Camera Module a Raspberry Pi? Beh, le ragioni sono numerose: una delle più importanti (e che mi darà qualche problema) è nel fatto che Arduino non può “reggere”, senza un appoggio esterno, la cattura d’immagini e video. Esistono diversi progetti legati alla fotografia che utilizzano Arduino, ma hanno bisogno di shield… e supporti separati. Raspberry Pi e Camera Module, insieme, sono sufficienti. Non pensiate d’ottenere dei risultati paragonabili a GigaPi, però la qualità della fotocamera è davvero eccellente.

Alludevo a qualche problema. Se avete letto l’ultimo numero della mini-rubrica su The GIMP, sapete che la mia ragazza è appassionata d’arrampicata sportiva: voglio costruire un dispositivo che scatti fotografie e registri video dalle falesie, perché il panorama è spettacolare. Esistono già delle fotocamere da montare sul caschetto, ma non sarebbe altrettanto divertente. Ahimè, rispetto ad Arduino le dimensioni di Raspberry Pi sono doppie e devono essere sommate al peso d’un generatore di corrente. Il progetto è molto ambizioso.