Nella community degli Indigeni Digitali emergono quotidianamente discussioni legate alla sperimentazione e all’utilizzo dei piattaforme e servizi digitali per fare marketing. La scorsa settimana hanno avuto particolare risalto due particolari strumenti: i QR Code e gli strumenti per la gestione dei contatti.

I codici QR sono quei curiosi “quadratini” in bianco e nero che si trovano spesso stampati sulle riviste e nelle brochure. Se fotografati con uno smarphone dotato di un’apposita app (come, ad esempio, i-Nigma) consentono all’utente di visualizzare un contenuto multimediale. Si tratta dunque di strumenti ideali per fare integrazione tra contenuti online e offline, come evidenzia Asi Claypool nella discussione che lancia all’interno della community.

Marco Vismara sottolinea come l’uso dei codici QR è più efficace per quegli utenti che necessitano di acquisire informazioni precise, e meno efficace per un utilizzo finalizzato alla visibilità generica di un brand. Egli evidenzia anche come McDonald’s già lo utilizzi per le sue strategie di marketing. Mattia Soragni sottolinea invece come la fruizione di un codice QR da parte dell’utente medio sia ancora un’esperienza piuttosto complessa e per questo, per spingere un utente a utilizzarlo, è necessario fornirgli una motivazione valida. Mattia Soragni ha affrontato il tema di come i codici QR possano essere utilizzati come strumenti di servizio per la collettività, e cita l’esempio dei codici applicati alle fermate dei mezzi pubblici per dare informazioni in tempo reale sull’arrivo dei tram.

Un’altra esigenza che emerge tra i professionisti del marketing è quella di dotarsi di uno strumento che consenta la gestione dei contatti acquisiti durante le attività di relazioni pubbliche e promozione. Il pericolo che corre ogni professionista è quello di dimenticare i nomi dei propri contatti perché sono troppi: un fenomeno cognitivo che Alfiero Santarelli, nella discussione che lancia all’interno del gruppo, cita come numero di Dumbar. Oltre a Gmail, gli Indigeni illustrano altri strumenti che possono essere utilizzati per ovviaare a questo problema. Alessandro Di Tecco parla di Evernote Hello, un prodotto fatto apposta per ricordarti chi incontri. Jegor Levkovskiy introduce Contact Me, un sistema di CRM (Customer Relationship Management) e contact management per piccole e medie imprese. Le piattaforme di CRM integrano solitamente funzionalità complete per la gestione a 360 gradi dei contatti e delle relazioni di business, e sono ampiamente utilizzati dalle aziende che operano in ogni settore.

Topic della settimana:

I problemi nel fare l’upgrade di Apple OS a Mountain View (Di Stefano Tresca)

Ryanair e i social media (Di Gabriele Cazzulini)

Come rendere felice o infelice un computer (Di Leonardo Dri)

Post precedenti:

Questione meridionale oggi: la risolveranno le startup? Di che parlano gli Indigeni #7

Papillon trasforma le nostre vene in password. Di che parlano gli Indigeni #6

Amazon, Report e il caso della fiscalità digitale. Di che parlano gli Indigeni #5

Analisi semantica delle conversazioni online. Di che parlano gli Indigeni #4

Seguite Indigeni Digitali e Prunesti su Twitter.