La console PlayStation 4 Pro di Sony presto potrà disporre dell’atteso “Boost Mode“. Questa particolare funzionalità arriverà all’interno del firmware 4.50 che è appena arrivato tra gli utenti beta tester e che sarà rialsciato pubblicamente nel giro delle prossime settimane. Il Boost Mode permetterà di sfruttare le potenzialità del nuovo hardware anche su tutti quei giochi che non sono stati espressamente sviluppati per la nuova e più potente console di Sony.

La PS4 Pro, infatti, può funzionare tranquillamente anche con tutti i giochi per PS4 che però non beneficeranno in alcun modo dell’hardware più potente. Solo, infatti, i giochi ottimizzati per la nuova piattaforma possono, nativamente, offrire un’esperienza di gioco migliore. Il Boost Mode, tenta dunque, di mettere una pezza a questa lacuna consentendo un certo miglioramento dell’esperienza di gioco anche sui vecchi titoli.

Questa nuova funzionalità fa lavorare CPU e GPU ad una frequenza di clock superiore rispetto ai valori a cui avrebbero dovuto funzionare con i titoli vecchi. Attenzione, però, i miglioramenti saranno solamente nei tempi di caricamento e nel frame rate. Maggiori dettagli ed effetti grafici, ovviamente, non arriveranno in quanto non previsti dalla software house. Tuttavia, una maggiore frame rate potrebbe fare la differenza su alcuni giochi che prima erano molto al limite. In ogni caso, trattasi di una soluzione che dovrebbe rendere più appetibili tanti giochi non ottimizzati per la nuova piattaforma hardware. Si pensi, per esempio a Wolfenstein The New Order o a Just Cause 3 che hanno sempre “zoppicato” un po’. Con il Boost Mode, questi giochi dovrebbero, finalmente, offrire un game play perfetto.