Lenovo porterà al Tech World 2016 in programma a San Francisco il 9 giugno il suo primo smartphone basato su Project Tango. Trattasi di una particoalre tecnologia che permette al dispositivo di mappare l’ambiente circostante. Una tecnologia molto interessante, dedicata esplicitamente agli ambienti indoor e che apre scenari affascinanti per quanto riguarda le applicazioni di realtà aumentata. Project Tango potrà essere applicato a moltissime soluzioni sia ludiche che professionali ma spetterà poi agli sviluppatori trovare i giusti sbocchi d’utilizzo.

Lenovo, dunque, in collaborazione con Google presenterà tra circa un mese il primo smartphone basato su questa avveniristica tecnologia. Un prodotto che sarà destinato al mercato consumer e non solamente ad una ristretta cerchia di utenti. Lenovo, all’interno del comunicato stampa in cui annuncia il prossimo debutto di questo innovativo prodotto, non specifica le precise specifiche tecniche del dispositivo, tuttavia alcune indiscrezioni metterebbero in evidenza un hardware molto importante.

Il primo smartphone basato su Project Tango disporrebbe di uno schermo molto ampio sino a 6,5 pollici. Si tratterebbe di un phablet quindi, anche se dalle dimensioni più simili a quelle di un mini tablet. Non dovrebbero mancare, poi, le classiche fotocamere e tutti quei sensori necessari a mappare l’ambiente circostante.

Durante l’evento, oltre a questo innovativo prodotto che potrebbe rivoluzionare il mondo degli smartphone, Lenovo potrebbe annunciare novità anche in casa Motorola di cui detiene la proprietà. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, l’azienda potrebbe portare al debutto anche il nuovo Moto X4.