Si chiama ProgeTiiger, progetto tigre scritto tutto attaccato, il programma estone per l’apprendimento della programmazione informatica fin dai primi anni di scuola. Un progetto che genera invidia nei paesi più sviluppati dell’Eurozona. 

Le Repubbliche Baltiche ci tengono a sfornare talenti e con una serie di progetti che investono nelle generazioni future, stanno davvero raggiungendo il top. E’ il caso, ad esempio, del ProgeTiiger, un programma scolastico attivato in Estonia che ha come obiettivo quello d’insegnare a programmare ai ragazzi che vanno a scuola ed hanno un’età compresa tra i 7 e i 19 anni. 

Insomma: piccoli informatici crescono, con l’aiuto del sistema pubblico ma anche con i soldi dei finanziatori privati. Un contributo, si spera al mondo della programmazione ma anche un incentivo a conoscere meglio le tecnologie internet.

A livello geografico l’Estonia è la repubblica baltica che si trova più a nord di tutte ed ha un cuore pulsante di 1.300.000 abitanti che in parte sono di cultura finnica, in parte di cultura germanica.

L’Estonia, anche in passato si è distinta in campo informatico, ad esempio è stato il primo a mondo ad adottare il sistema di voto online, ha dato i natali ai fondatori di Skype e anche la Nato a Tallin ha piazzato il suo quartier generale informatico.