La privacy è molto importante, sta a cuore a tutti gli utenti della rete anche se si dedica sempre meno tempo a leggere tutte le clausole legate alla navigazione e alla registrazione sui diversi siti. In questo frangente interviene Iubenda

Per usufruire di un servizio in rete dovete quasi sempre registrarvi al sito, al forum, alla newsletter e via dicendo. Accettando le condizioni di utilizzo del servizio, spesso si accetta anche di rinunciare ad un po’ della propria privacy.

Per fare in modo che gli utenti siano accompagnati ed assistiti durante la navigazione, Iubenda, un servizio pensato da un gruppo di studenti, illustra l’uso che un sito, un forum, un determinato spazio web, fanno delle informazioni personali dell’utente.

Siano esse informazioni relative al posizionamento geografico, piuttosto che l’indirizzo IP o uno degli account social che abbiamo postato da qualche parte nel web. Oltre ad illustrare e rendere maggiormente visibili le clausole di privacy policy legate ad un sito, Iubenda offre anche la possibilità agli utenti di navigare informati.

Iubenda promette bene, lo dicono quasi tutte le recensioni in rete, è una start-up italiana e per questo va anche incoraggiata. Il punto di riferimento per lo sviluppo del progetto è il sistema Creative Commons.

Con Iubenda si cerca di costruire qualcosa di simile anche per la privacy.