Facebook, con grande attenzione sta varando una riforma “collaborativa” della privacy, seguita con preoccupazione dagli iscritti al social network blu che non riescono ancora a percepire i vantaggi dell’operazione.

Le mosse di Zuckerberg non sono sempre state accettate di buon grado, soprattutto per quel che riguarda la privacy. Ad ogni modo da qualche settimana Facebook sta pubblicizzando le sue proposte di modifica dei termini di utilizzo del servizio e della normativa sull’uso dei dati.

La tempistica di queste proposte ha visto l’introduzione delle modifiche dei termini d’uso il 20 aprile, a seguire l’11 maggio è stata introdotta la nuova normativa e infine oggi, si può tenere d’occhio un’altra iniziativa.

In pratica l’azienda di Zuckerberg chiede ai suoi utenti di votare il passaggio alle nuove normative adottate dal 26 aprile 2011 oppure la permanenza delle vecchie regole fissate dal 23 settembre 2011.

Nuovi termini d’uso e nuova privacy dunque ma anche una nuova votazione che chiede agli utenti una valutazione delle proposte del social network blu ma anche un commento da associare alla scelta.

Il termine ultimo per l’inserimento delle proprie opinioni è l’8 giugno alle ore 17.59. Chiaramente si può partecipare una sola volta e l’esito della votazione sarà definito da una società esterna e indipendente il giorno successivo. Per far sì che la votazione sia valida è necessario raggiungere il quorum del 30% degli iscritti.