Il mondo della tecnologia è molto complesso. Chi è pratico di download e condivisione di video sa che deve fare attenzione ai file che contengono la sigla “xxx”, usata convenzionalmente per indicare la presenza di un contenuto pornografico.L’industria del porno è molto florida e a livello tecnologico si sta evolvendo. Prima ha tentato di distinguersi, riuscendo nell’impresa, tra i numerosi file presenti nell’etere. Adesso il secondo passo è quello di mettersi in evidenza nel mondo dei domini web.

Grazie all’ICM Registry, da pochi giorni è possibile registrare domini collegati a spazi web, con l’estensione xxx che va ad incrementare il già grande numero di estensioni possibili per un dominio, .com, .org., .net e quant’altro.

Lo slogan presente sulla prima pagina dell’ICM Registry è molto efficace: “XXX non è il futuro, è qui, non sprecarlo, ottienilo oggi”. Le riviste di settore l’hanno ribattezzato distretto a luci rosse del web. In effetti si farà molta attenzione affinché i domini xxx non siano associati ai nomi di politici e personaggi famosi dello star system.

Sicuramente, dalla messa in commercio dei nuovi .xxx, i primi a poterne (e doverne) approfittare sono i grandi marchi, tra tutti Microsoft, Apple, McDonald, etc. poi sarà la volta delle industrie pornografiche, degli attori porno e quant’altro. Solo alla fine ICM Registry aprirà le porte a tutti gli altri.