Popcorn Time ha ufficialmente chiuso ma nel frattempo è stato presentato Butter, un nuovo servizio di streaming legale. Così facendo, Popcorn Time si mette alle spalle tutte le critiche riguardanti la pirateria online e i problemi di copyright.

Nato nel marzo 2014, Popcorn Time era uno dei principali servizi di streaming che offriva la possibilità di vedere film tramite BitTorrent. La chiusura di questa piattaforma era attesa da tempo, dal momento che Popcorn Time ha sempre avuto molti problemi di copyright.

https://twitter.com/popcorntimetv/status/657628319404396545

Definito come il “Netflix dei pirati”, Popcorn Time era diventato sempre più popolare ma recentemente è sta annunciata la chiusura ufficiale, a favore di Butter. Quest’ultimo è un servizio streaming completamente legale privo di contenuti protetti da copyright, dal momento che è semplicemente una piattaforma vuota di contenuti.

L’obiettivo di Butter, almeno sulla carta, è quello di mostrare contenuti non protetti da copyright, permettendo agli utenti di caricare anche i loro video. Se da un lato Butter basa le proprie radici sull’infrastruttura del servizio di Popcorn Time, dall’altro Butter è considerato, almeno sulla carta, completamente legale.

Infatti, Butter è un framework completamente open source e permetterà di creare app desktop e mobile per lo streaming video tramite protocollo BitTorrent. Il codice è già presente su GitHub, in modo tale che tutti possano contribuire al progetto e creare la loro versione “clone” di Popcorn Time.

https://twitter.com/butterproject/status/657501396481265664

Di fatto, seppur legale, Butter offre agli sviluppatori tutti gli strumenti per ricreare una piattaforma simile a Popcorn Time. Ricordiamo, inoltre, che il progetto Butter è ancora nelle fasi iniziali di sviluppo e tutti possono contribuire alla realizzazione delle app desktop e mobile, a partire dal sito web butterproject.org.