Pokémon Go può essere un passatempo divertente, un’applicazione innocua se giocata con responsabilità. Ma alcuni utenti stanno letteralmente uscendo di senno. Una ragazza albanese di 19 anni si è ritrovata a guidare contromano pur di riuscire a catturare uno dei 150 simpatici mostriciattoli.

“Scusate, ero a caccia di Pokémon”, questa la giustificazione della giovane quando le forze dell’ordine l’hanno fermata mentre guidava contromano in viale Gori, qualche metro dopo l’uscita dell’autostrada di Firenze nord.

Probabilmente la ragazza ha pensato che l’avrebbe passata liscia, vista l’ora: erano infatti le 3 di notte di venerdì quando è stata fermata dalla polizia stradale, mentre con lo smartphone in mano cercava di catturare Pokémon. Sulla vettura non si trovava sola, ma era accompagnata dal fratello, anche lui con lo smartphone in mano.

La polizia ha ovviamente comminato alla ragazza una multa pari a 150 euro insieme alla decurtazione di quattro punti dalla patente. Non solo: la 19enne rischia anche di perdere la patente visto che la polizia stradale ha chiesto la sospensione alla Motorizzazione civile. Questo non è il primo caso di persone che, mentre si trovano alla guida del proprio automezzo, compiono azioni scellerate mentre giocano a Pokémon Go.