Pokemon Go ha conquistato milioni di utenti in tutto il mondo. Il gioco è concettualmente nuovo in quanto sfruttando la realtà aumentata porta i giocatori a muoversi nel mondo reale. Questo può comportare due problemi: il primo, un eccessivo consumo energetico non potendo avere sotto mano una presa elettrica ed il secondo un eccessivo consumo di traffico dati non potendo usufruire della linea WiFi di casa. Tuttavia, sebbene sia assodato che Pokemon Go consumi in fretta la batteria, come del resto molti giochi per smartphone, sembra non essere fortunatamente particolarmente esoso in termini di consumo di traffico dati.

Le prime testimonianze in tale senso hanno, in realtà, dato riscontri completamente opposti. Verizon Wireless ha evidenziato come l’utilizzo del gioco Pokemon Go abbia incrementato il consumo del traffico dati di appena l’1%. T-Mobile, invece, asserisce che l’incremento è stato del 400%. Dichiarazioni difficilmente confrontabili viste le conclusioni completamente differenti. Tuttavia, c’è chi ha voluto analizzare scientificamente il consumo dei dati dell’app scoprendo che Pokemon Go non consuma molto traffico, anzi, molto poco.

P3 Communications Inc. ha affermato che Pokemon Go consuma tra i 5 ed i 10 MB di traffico dati all’ora. Trattasi, dunque, di un consumo che non dovrebbe preoccupare i giocatori. Un normale piano dati dispone mediamente di 1-2 GB di traffico dati mensile pari a decine e decine di ore di gioco. Nessun particolare problema anche per chi possiede abbonamenti con soglie giornaliere a patto di non giocare per troppe ore.

Pokemon Go, dunque, può essere giocato in mobilità senza troppi pensieri a patto di avere sotto mano la ricarica dello smartphone perchè la batteria, invece, risente sensibilmente del lungo utilizzo del gioco.