Pokémon GO, il gioco capace di attirare se milioni di giocatori in poco tempo, si è aggiornato. L’update, però, non solo non è piaciuto agli utenti ma ha scatenato fortissime polemiche tanto che alcuni giocatori hanno chiesto il rimborso degli acquisti In-App fatti sino ad oggi. Trattasi del primo vero problema che occorre a questo giorno a cui Nintendo dovrà, per forza, metterci una pezza.

Il problema nasce alla scelta di eliminare, a seguito dell’update, alcune funzionalità del gioco che peggiorerebbero nel suo complesso il game play di Pokémon GO. La polemica nasce innanzitutto sulla gestione del sistema interno di tracking. Prima dell’update, i Pokémon vicini all’utente erano evidenziati con tre zampette a schermo. Ogni zampetta corrispondeva ad una distanza di 50 metri. Questo sistema di tracking da un po’ di tempo non funzionava più troppo correttamente, forse a causa del grande numero degli utenti ma permetteva, comunque, di aiutare i giocatori ad orientarsi e trovare rapidamente il loro Pokémon.

Nel nuovo update, dunque, invece di ottimizzare questa funzione, la software house ha pensato di rimuoverla completamente. Rimozione che ha scatenato molte polemiche perché renderebbe molto più problematico inseguire il Pokémon da catturare.

Inoltre, nel nuovo update, la software house avrebbe rimosso le funzioni di risparmio energetico sull’app per iOS. Gli utenti, dunque, non hanno gradito queste modifiche. Adesso è da capire come Nintendo intenderà rispondere alle critiche e se ripristinerà queste funzionalità.