Durante il CES 2014, Sony ha annunciato il servizio di cloud gaming PlayStation Now, il quale permette all’utente di fruire in streaming di molti titoli della prima PlayStation, PlayStation 2 e PlayStation 3 attraverso un unico account e con diversi tipi di device: smartphone, tablet, TV Bravia 2014, e, ovviamente, PlayStation Vita, 3 e 4.

Il colosso dell’elettronica nipponico ha colto l’occasione per spiegare ai suoi fan le dieci cose da sapere sul suo servizio tramite un video pubblicato su YouTube (visibile qui sotto).

Il funzionamento è molto simile a quello del sistema OnLive e debutterà negli USA questa estate, mentre arriverà solo successivamente negli altri territori. Il servizio ovviamente sarà a pagamento e richiederà la sottoscrizione di un abbonamento mensile, ma sarà consentito anche noleggiare un singolo gioco. I prezzi non sono ancora stati rivelati ufficialmente.

Si tratta di una formula assolutamente notevole, e che negli USA non dovrebbe incontrare grandi problemi. Purtroppo però la sua funzionalità nelle zone in cui le connessioni sono precarie (e sono molte in Europa) potrebbe risultare estremamente compromessa. Basti pensare al caso dell’Italia, dove sono numerosi i paesi in cui le connessioni a banda larga da 5 Mbps (quella consigliata per fruire al meglio del servizio) sono pura utopia.