Tutti coloro che hanno ricevuto una console per Natale, con molta probabilità, hanno trovato PlayStation Network e Xbox Live offline. Quest’ultimi due servizi sono stati sotto attacco DDoS da Lizard Squad, un gruppo hacker che ha rivendicato la paternità dell’attacco e comunicato con tutti gli utenti l’esito positivo tramite Twitter.

Dopo gli attacchi degli scorsi giorni a PlayStation Network, nel giorno di Natale, sia Sony che microsoft hanno subito un attacco DDoS da un gruppo hacker denominato Lizard Squad. All’inizio della giornata odierna erano già apparsi i primi blocchi, tuttavia nelle ultime ore gli attacchi si sono fatti sempre più frequenti, al punto tale da mettere down entrambe le piattaforme. Gli utenti, ovviamente, si sono ritrovati con problemi nell’effettuare il login all’interno di PlayStation Network e Xbox Live, servizi che offrono la possibilità di connettersi con amici e giocare a tutti i videogiochi che richiedono l’accesso online.

Il gruppo hacker chiamato Lizard Squad ha, fin da subito, rivendicato la paternità degli attacchi. Questo gruppo è lo stesso che aveva già messo offline PlayStation Network e Blizzard, lo scorso agosto, attaccando principalmente giochi come League of Legends e Path of Exile.

Sony, come da tradizione, ha subito comunicato su Twitter i problemi che stanno colpendo la piattaforma e come tutto ciò sia sotto investigazione. Ovviamente il periodo di down che ha sta colpendo PlayStation Network e Xbox Live dimostra come, ancora oggi, queste infrastrutture non siano in grado di fronteggiare attacchi DDoS come quello di Lizard Squard.

Nel momento in cui stiamo scrivendo, la situazione sta ritornando alla normalità, anche se alcuni utenti, in tutto il mondo, stanno ancora riscontrando rallentamenti.

photo credit: insidethemagic via photopin cc