Un altro social network ha arricchito il panorama nell’ultimo periodo. Il suo nome è Pinterest, ma di che cosa si occupa, a che serve e quali sono i suoi tratti distintivi?Pinterest dà conto dell’evoluzione dei social network che ormai non nascono più per tenersi in contatto con parenti, amici e conoscenti. Adesso il profilo social serve per condividere contenuti personali oppure trovati online.

Pinterest ha intuito una sostanziale pecca di questo sistema: il fatto che ciò che condividiamo può non piacere ai nostri amici e quello che loro pubblicano anche per noi, può non interessarci. Il problema è che non sempre è possibile fare ricerche per argomento (sta iniziando su questa strada Facebook).

Pinterest si propone come strumento di condivisione con gli amici che con noi condividono già qualche interesse. Il nome è indicativo da questo punto di vista: Pin come puntina e Interest come interesse. L’obiettivo dichiarato sul sito web, infatti, è mettere in contatto tutte le persone nel mondo attraverso le cose che ritengono interessanti.

La puntina può essere messa su foto, video, ma anche su tanti altri contenuti, per esempio appunti, ricette. Una specie di enorme pannello di sughero virtuale. I contenuti sono catalogati per argomento ma si possono mettere in condivisione soltanto con chi è iscritto.