Pinterest ha annunciato una serie di novità che non esito a definire delle killer-feature per il marketing: le “pin” aggiungono nuove informazioni, che completano le immagini con indicazioni per ricette, prodotti e film. Com’è noto, il social network è basato sulla condivisione di fotografie che ritraggono soggetti disparati. Queste, però, spesso non sono sufficienti a costituire un’attrattiva per l’utente. Che senso ha guardare un piatto, senza poterlo creare con una ricetta? Se volessi acquistare un prodotto o vedere un film?

Non sarà più un problema, perché i gestori di siti web possono includere delle meta-informazioni da aggiungere alle “pin” che prevedono una particolare sintassi per completare il salvataggio dei dati con la nuova interfaccia già descritta da Lucia Bracci. Ricette, dettagli sui prodotti e sui film sono stati implementati dai partner di Pinterest e sono disponibili all’integrazione su qualunque portale. Scommetto che, in futuro, altri oggetti acquisiranno la stessa possibilità. Gli articoli d’informazione e gli eventi, ad esempio.

Inoltre, il pulsante Pin It è disponibile per essere aggiunto alle applicazioni: gli sviluppatori possono integrarlo nelle proprie app permettendo agli utenti di condividere i contenuti su Pinterest con tutte le nuove informazioni. La popolarità del social network è destinata ad aumentare in modo esponenziale, secondo me. Considerando pure la diffusione delle statistiche, Pinterest è una piattaforma completa per il marketing di grandi, medie o piccole imprese sul web. Le novità ricordano molto quelle Twitter Cards che apprezzo.