Vi ricordate di Pinterest? Natale si avvicina e sono quasi due anni che è arrivato da noi. È vero, però, che non ne parliamo più molto spesso. Ne discutevo giusto ieri con il nostro Riccardo Mantica, che a differenza mia era stato inizialmente più che convinto del possibile successo dello strumento. Ci siamo interrogati circa la presunta scomparsa di Pinterest: dissoltasi l’hype multimediale, ora che i giornali hanno trovato di meglio con cui autoeccitarsi (chi dice startup per primo non vince nulla), gli amanti del social network sono quasi scomparsi. Più che scomparsi però direi che si stanno facendo beatamente gli affari loro.

Nel 2013 Pinterest è infatti arrivato a quota 500 mila account business registrati e oggi viaggia al ritmo di 2,5 miliardi di pagine viste al mese. Mica noccioline! Sono alcuni dei dati presenti in un’interessante infografica diffusa qualche giorno fa da Dashburst (la vedete sotto al post). Oggi vengono condivisi su Pinterest 5 milioni di pin al giorno, che nella maggior parte dei casi sono link a prodotti o post. Non a caso, negli Stati Uniti Pinterest generò più traffico degli altri social, eccezion fatta per Facebook. E tutto questo con soli 70 milioni di utenti. Sinceramente, non mi capacito come questo sia possibile.

Intanto molti amici hanno iniziato a usarlo come strumento di social bookmarking, un modo per creare collezioni di contenuti da condividere con gli amici. Io personalmente ci pesco ogni tanto qualche infografica che colleziono, come questa. E voi, come lo usate? (sempre che sia lecito parlarne)

Se volete qualche consiglio su come sfruttare questo particolare social, vi rimandiamo alla guida a Pinterest che ha scritto per noi Domenico Armatore, guru italiano del social.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+

pinterest infografica

26 cose che forse non sapete di Pinterest