Cross-marketing e pubblicità: sembrano essere diventate queste le priorità in casa Pinterest. Il social, che di recente ha rinforzato le proprie casse con una bella iniezione di contante fresco, ora lancia le sue API. In gergo, sono le  “Applications Programming Interface”, ma per Pinterest sono soprattutto il crocevia per catturare le simpatie dei grandi brand.

In parole più povere, si tratta di un pacchetto di informazioni destinate agli sviluppatori che permetterà ai siti di terze parti di incorporare i pin di Pinterest e semplificherà loro la pubblicazione dei medesimi.

Con i numeri che parlano di una crescita graduale ma notevole in termini di marketing, Pinterest “cattura” già marchi quali Disney, Walmart, Nestlè, Zappos, Hearst e Random House, tanto per iniziare. Il social, sul suo blog, mostra come stiano rilasciando la documentazione per le API multiple, la quale fra l’altro dovrebbe fare il roll out nel corso della settimana. Queste API dovrebbero riguardare i Top Pins, la Domain search, i Pin più recenti e i Related Pin.

Gli utenti ora possono pinnare direttamente da questi siti, non sono più costretti ad interrompere la navigazione o gli acquisti per postare i loro pin. Ma in chiave economica, questo significa nuova linfa in termini di dollari in quanto, di fatto, Pinterest così irrobustisce la possibilità di diventare un grosso volano per chi decide di puntare sull’universo social per la pubblicità.