Il progetto di Pics.io, ormai, dovrebbe esserti chiaro: sostituire tutti i programmi di Adobe per il fotoritocco — ma rendendoli disponibili sul browser. Edit, ad esempio, è un’efficace alternativa a Photoshop Elements (che potresti acquistare a parte, se non sei abbonato alla Creative Cloud) che ammette la modifica dei principali formati d’immagine. Non devi registrarti perché basta raggiungere l’indirizzo dell’applicazione web per iniziare a migliorare le tue fotografie in 32-bit di profondità. Facile, non credi? Ed è gratis.

L’interfaccia è davvero intuitiva: non aspettarti tutte le funzionalità di Pics.io, inteso come la web app alternativa a Lightroom. perché Edit è molto essenziale. Puoi giusto adattare luminosità, contrasto e saturazione. C’è uno strumento per correggere le curve, uno per la temperatura e puoi effettuare delle semplici trasformazioni di taglio e rotazione — più il solito bianco e nero. Lo stesso menù è disponibile nella parte alta dello schermo e, a icone, in una semplice barra laterale sulla sinistra. Tutto qui, ma può bastare!

Decisamente non è una soluzione adatta ai professionisti, ma potresti usare Edit per sistemare al volo le foto che vuoi condividere sui social network: supporta i file di grandi dimensioni e, se devi modificare un’immagine grezza, puoi sempre ricorrere a Pics.io. Un aspetto interessante riguarda la modalità d’accesso, senza registrazione, che risolve quel fastidio che avevo provato usando Pics.io RAW su Facebook. Qui non devi dare dei like, né concedere la lettura delle tue informazioni personali. Apri la app e puoi cominciare.