Durante le festività ho avuto l’opportunità di testare il servizio di stampa delle foto da iPhone offerto da PhotoSì Printup. L’azienda è una dei leader nella stampa su carta fotografica in Italia e tempo fa ho conosciuto il CEO Andrea Mainetti, che mi ha invitato a una manifestazione organizzata proprio da PhotoSì per dibattere i temi di Instagram e della fotografia digitale.

Da quando ho provato la prima volta l’app, la scorsa estate, questa è molto migliorata, ma secondo me soffre ancora del vizio originario: voler fare più cose. Infatti tramite l’app è possibile applicare dei filtri alle proprie foto e aggiungere il proprio faccino e due righe sotto la foto (pessima l’idea di attivarla come impostazione di default perché così la prima volta rischi di applicarla senza accorgertene). Secondo me dovrebbero concentrarsi sul farmi stampare le mie foto e basta. Qualunque altra cosa viene dopo. Per quanto riguarda i filtri, ottimi filtri, garantisce Andrea, studiati appositamente per migliorare le foto dell’iPhone, credo che siano totalmente inutili. Ci sono decine di app pensate per questo e sovrapporre i filtri non è buona idea. Rischi di rovinare il tuo editing. Se vuoi applicare dei filtri alle tue foto, ci sono app specializzate sulle quali puntare (date uno sguardo alle migliori app di fotografia per iPhone che vi abbiamo consigliato).

L’app è migliorata molto, anche se resta poco intuitiva la gestione dell’ordine. Per fortuna però una volta arrivati all’ordine è possibile cancellare o aggiungere foto. E se si sospende l’ordine c’è ora nella schermata delle foto un album con quelle selezionate. Sarebbe utile un tool per selezionare più foto insieme. Fin che non c’è la cosa migliore è creare un album nell’app delle foto con gli scatti che si vogliono stampare e poi aprire direttamente questo in PhotoSì.

Nella nuova versione sono integrati sia Facebook che Instagram e per fortuna l’app suggerisce di attivare l’opzione per il salvataggio delle foto originali nel proprio telefono, perché quelle caricate sui network sono di bassa risoluzione, non adatte alla stampa. L’integrazione con Instagram, per altro, non mi ha funzionato. Quella con Facebook invece permette di scegliere foto fra i propri album e quelli degli amici.

Ecco, sarebbe molto utile, non so se possibile, che PhotoSì facesse una valutazione delle nostre foto prima di inviarci lo stampato. Offrendoci la possibilità di desistere dal voler stampare foto che finiranno nel cestino. Ho mandato in stampa diversi scatti delle feste, ma alla prova della carta diverse foto una volta stampate hanno messo in luce difetti irrilevanti quando viste a video sull’iPhone.

Le foto vengono stampate su carta opaca, più adatta secondo l’azienda. Ecco, preferirei poter scegliere. La qualità delle foto stampate però è molto alta, ma va da sé che parecchio dipende dalle vostre foto. Il prezzo è relativamente alto: si paga la comodità del servizio. Possiamo ricevere le foto direttamente a casa (per il formato piccolo, con altezza 12 cm, arrivano in una scatoletta se ne ordiniamo più di dieci, per quello da 20 cm sempre e comunque in busta rigida) o ritirarle in negozio (costa decisamente meno, 90 centesimi contro un costo da 2,90 euro in su). Le foto costano 0,49 euro quelle con altezza 12 e 3,90 quelle con altezza 20. Va da sè che conviene puntare su quelle da 12, che poi non sono neppure piccole, più adatte alle foto fatte con l’iPhone.

Un suggerimento. Se siete interessati alla stampa, vi consiglio di scattare con l’app 645 PRO che permette di creare foto fino a 24 MB in formato tiff non compresso. Certo richiede un po’ di studio, ma include un ottimo manuale.