La buona memoria inizia da qui. È questo lo slogan di Transcend che ogni anno immette sul mercato un gran numero di pen drive sempre nuove e sempre più tecnologiche. La nuova gamma di prodotti, per esempio, aumenta la sicurezza per gli utenti.

La privacy d’altronde, si sa, è un pallino per chi naviga spesso in rete o è “costretto” ad usare la connessione per lavoro. Dietro l’angolo però ci sono i rischi di hackeraggio cui un computer collegato ad un server è sempre esposto. Oggi con Trascend si può stare più sicuri.

Le new entry tra le chiavette USB sono le Security JetFlash 200 che usano la codifica hardware AES a 256-bit.

Qual è il quid di questi prodotti? Il fatto che le chiavi di codifica si legano intimamente al dispositivo hardware e lo proteggono dalle violazioni della privacy.

Il prodotto in questione, però, non è un unicum: infatti alla JetFlash 200 si uniscono anche la JetFlash 620 e la JetFlash 220. La prima delle due ha integrato il software JetFlash SecureDrive per la protezione delle password.

Va ancora più nel dettaglio il secondo modello, dotato di un sistema di lettura di impronte digitali.

Molto interessante anche la possibilità di creare una PrivaeZone sulla chiavetta per conservare tutte le proprie password. E se poi nel tempo qualcosa cambia? Grati tutti gli avanzamenti del software che consentiranno in pochi click anche di ottenere il backup o la sincronizzazione dei dati.