Paypal è il braccio armato di eBay, all’inizio il duo aveva monopolizzato l’ecommerce, adesso le loro strade sono separate ma Paypal è sempre attenta al rispetto delle regole.Paypal, pur sapendo che sotto Natale le vendite online aumentano, non dimentica che proprio nei periodi clou si possono avere le maggiori “truffe”. In questo caso però non è una vera e propria truffa, ma piuttosto una violazione delle regole del colosso dei micropagamenti.

A fare le spese del giro di vite e dei controlli di Paypal c’è il sito Regretsy.com cui è stato congelato l’account per i micropagamenti.

Regretsy rappresenta un sito o meglio un blog dove sono messi in vendita molti oggetti fatti a mano. Il pubblico li compra nella speranza di dare il denaro in beneficenza. Tanto che a ribellarsi alla scelta di Paypal sono stati proprio gli utenti del sito in questione.

Il fatto è che Regretsy ha messo sul suo sito un pulsante per effettuare le donazioni di giocattoli costruiti artigianalmente a favore di circa 200 bambini.

Cosa non è andato come avrebbe dovuto? Il fatto che Regretsy non è un’associazione no profit e per questo non può avvalersi della funzione “donate”. La policy dell’azienda stessa sarebbe messa in discussione.

I vertici di Paypal hanno fatto presente la cosa che è stata mal digerita da tutti. La vicenda, raccontata in rete però, ha contribuito ad illustrare la serietà del colosso dei micropagamenti ed ha fornito informazioni importanti anche per chi si approccia alla donazione tramite internet.