Ieri sera, durante il keynote della WWDC, Apple ha presentato la nuova versione del sistema operativo OS X per computer iMac e notebook MacBook: El Capitan. Vediamo le novità principali.

PRESTAZIONI
In primis, a migliorare sono le prestazioni. Rispetto alla precedente edizione del sistema operativo della mela morsicata Yosemite, El Capitan sarà in grado di aprire i software fino 1,4 volte più velocemente. Con l’introduzione di Metal (tecnologia di Apple già apparsa su iOS basata sulle librerie OpenGL per ottimizzare le prestazioni nel rendering grafico) potrebbero migliorare anche le prestazioni delle app basate sull’utilizzo della scheda grafica, come Photoshop, After Effects e Premiere.

SPOTLIGHT
Sul palco della kermesse è stato mostrato che con El Capitan sarà possibile spostare e ridimensionare la finestra di Spotlight, mentre dal punto di vista delle ricerche saranno disponibili anche quelle composite ed è stata introdotta anche la possibilità di ottenere rapidamente informazioni sui risultati di una partita o sulle condizioni meteo, sulla falsariga di Siri.

SPLIT VIEW
Con El Capitan è stata perfezionata la disposizione delle finestre sul desktop, con la funzione split-view che suddivide perfettamente lo schermo in parti uguali nel momento in cui si trascina una finestra su un lato del display e sfrutta tutta la superficie virtuale disponibile adattandosi automaticamente, evitando una sistemazione manuale laboriosa. Split View si attiva automaticamente nel momento in cui si sposta la finestra da una parte all’altra dello schermo o accedendo a Mission Control.

SAFARI
El Capitan porta una interessante feature anche sul browser web Safari. Quest’ultima si chiama PIN e permette all’utente di mettere in evidenza i siti maggiormente visitati nella barra delle schede. In questo modo, ad ogni apertura di Safari, le schede dei siti preferiti saranno sempre visibili. Aggiunta anche la possibilità di silenziare con un semplice click le tab che stanno riproducendo audio.

El Capitan è già disponibile da oggi per tutti gli sviluppatori Apple. Una versione beta del software potrebbe essere disponibile per gli iscritti al programma AppleSeed nel mese di luglio. Per quanto riguarda la distribuzione al pubblico, si parla del prossimo autunno.