Ieri, è stato annunciato un accordo che definirei “epocale” per quanto riguarda le applicazioni web: Amazon, Autodesk, Mozilla, NVIDIA e OTOY hanno stretto una partnership che porterà dei programmi come 3DS Max e Maya nella cloud su Firefox. Un ecosistema completo che – grazie a Elastic Compute Cloud (EC2) – cambierà le abitudini degli utenti. NVIDIA ottimizza le GPU, Amazon fornisce la piattaforma per il cloud computing, Autodesk mantiene il software e OTOY sviluppa la tecnologia adatta affinché Firefox possa infine eseguirlo.

Avevo già parlato di ORBX.js, una risorsa proposta da OTOY su AWS per virtualizzare un intero sistema operativo col browser: Amazon ha integrato G2, che sfrutta al massimo le istruzioni delle GPU di NVDIA GRID per eseguire i programmi installati nella cloud e Firefox ne riproduce lo streaming. Poiché la computazione avviene da remoto, basterebbero dei thin o zero client per eseguire il software — abbattendo i costi d’investimento sugli elaboratori. Delle applicazioni come 3DS Max e Maya sono accessibili con qualunque pagina web.

Parlavo di streaming, appunto. Mozilla ha ottenuto un accesso all’implementazione di H.264 da Cisco che è essenziale nel completamento dell’infrastruttura. Quelle eseguibili su EC2 G2 non sono applicazioni web, ma app “native” che richiederebbero un computer d’ultima generazione e Firefox può avviare in HTML5 e JavaScript. Immaginate di giocare ad Halo: Spartan Assault – realizzato per Xbox One – col browser. È una soluzione equivalente al sistema di Project SHIELD che può trasmettere i videogame dal PC a una console portatile.