Giorno dopo giorno si aggiungono nuovi tasselli al quadro delle caratteristiche del successore di OPO (OnePlus One), il flagship killer che lo scorso anno – e ancora in questo – ha riscosso grande successo vendendo milioni di unità in tutto il mond, cercando di offrire caratteristiche da top gamma ad un prezzo accessibile. Il suo successore, ormai è ufficiale, si chiamerà OnePlus 2, e sarà un dispositivo molto simile ma anche abbastanza rinnovato rispetto al primo: simile nel design, rinnovato nelle feature, con parecchie novità.

Solo poche ore fa abbiamo avuto modo di vedere le prime immagini di OnePlus 2, con le stesse che hanno dato conferma della grande somiglianza nell’estetica del nuovo smartphone rispetto a quello ormai precedente, con l’integrazione di un’elegante scocca in metallo. Proprio quelle immagini poi sembravano mostrare nella parte posteriore del dispositivo un lettore di impronte digitali, la cui presenza è stata puntualmente ufficializzata oggi da OnePlus attraverso un post sul proprio blog. L’azienda annuncia che il proprio sensore per la scansione delle impronte sarà uno dei più recenti ed avanzati sul mercato, a differenza dei precedenti descritti come grandi nel concetto ma non perfetti nella tecnologia, richiedendo per funzionare in alcuni casi più tempo rispetto alla semplice digitazione di una password.

Il lettore di impronte, secondo quanto affermato da OnePlus, è stato sin’ora in diversi casi solo una feature di vetrina per rendere i dispositivi più appetibili, senza delle funzioni realmente corrispondenti. Con OnePlus 2 questo sembrerebbe destinato a cambiare, con il lettore che sarà stando a quanto annunciato più veloce del Touch ID di Apple nello sblocco, consentendo agli utenti un sensibile risparmio di tempo. Basterà un solo semplice tocco per accedere alla schermata home, con un numero massimo di 5 impronte memorizzabili.

Al momento così aumentano le caratteristiche ufficializzate per lo smartphone, che includono un processore Qualcomm Snapdragon 810 V2.1, connettività USB Type-C, ed il lettore di impronte di cui abbiamo parlato in questo post. Non ci resta che attendere le prossime settimane o nel peggiore dei casi il 27 luglio per conoscere altre caratteristiche ufficiali.