Microsoft ha deciso di introdurre in OneDrive la funzionalità che permette di sincronizzare le cartelle condivise. Finalmente, la casa di Redmond ha deciso di implementare una delle funzionalità in assoluto più richieste dagli utenti, utile soprattutto dal punto di vista della produttività per chi utilizza la piattaforma cloud di Microsoft per lavoro e per distribuire file e documenti ad un team di lavoro. L’annuncio è stato dato da Jason Moore di Microsoft all’interno della piattaforma User Voice della casa di Redmond.

Il rollout di questa nuova funzionalità è già iniziato, tuttavia non sarà subito disponibile per tutti. Come consuetudine, infatti, il rilascio della nuova funzionalità sarà progressivo e potrebbero volerci anche alcune settimane affinché sia disponibile per tutti quanti. Microsoft sottolinea, inoltre, che tale nuova funzione sarà compatibile con Windows 10, Windows 8, Windows 7, Windows Vista e OS X. I possessori di un PC Windows 8.1 dovranno, invece, passare per forza a Windows 10.

Jason Moore ha anche spiegato come funzionerà questa nuova caratteristica di OneDrive. All’interno dei loro account cloud, gli utenti troveranno la nuova opzione “Add to my OneDrive”. Cliccandoci, gli utenti, potranno collegare la cartella condivisa al loro account ed accedere ai contenuti condivisi che saranno sempre sincronizzati ad ogni modifica. Tale funzionalità sarà accessibile sia da web che da applicazione mobile.

Professionisti, studenti ma anche i semplici utenti potranno adesso contare su una funzionalità davvero utilissima che porta OneDrive ad un ulteriore livello tale da poter essere giudicato oggi come una delle migliori piattaforme cloud del mercato, alla pari con nomi blasonati come Dropbox e Google Drive.