Il rilascio di Windows 8 ha portato con sé l’aggiornamento di SkyDrive, la soluzione in cloud computing per il backup dei documenti con Microsoft Accounts che finora è stato chiamato Windows Live. SkyDrive non permette soltanto il salvataggio delle copie dei propri file, ma soprattutto la creazione di documenti con Office Web Apps: è una variante minimale di Microsoft Office accessibile dal browser a prescindere dal sistema operativo o dal dispositivo utilizzato che supporta il salvataggio dei file in OpenDocument Format (ODF).

Nelle impostazioni di Office Web Apps per Skydrive è possibile selezionare quali formati utilizzare nel salvataggio dei documenti generati. L’opzione predefinita ovviamente è Office Open XML (OOXML) che riguarda le estensioni .docx, .pptx e .xlsx di Microsoft, però è consigliabile cambiare le preferenze per salvare i file in ODF. Così facendo, i documenti condivisi acquisiscono una maggiore possibilità d’essere aperti o modificati dagli individui che utilizzano piattaforme diverse: ODF, per esempio, è il formato di Google Drive.

Per modificare l’impostazione del formato da utilizzare nel salvataggio dei documenti è sufficiente selezionare Formato ODF (.odt, .odp, .ods) in OpzioniFormati file di Office dall’interfaccia web di SkyDrive. Il cambiamento istruisce Office Web Apps per salvare i file in .odt, .odp od .ods che sono le estensioni previste da ODF e non impedisce l’apertura o la modifica degli altri formati supportati come quelli specifici di Microsoft Office. Se già utilizzaste Google Drive, il meccanismo è lo stesso: nulla di trascendentale.