Crescent Bay è un nuovo prototipo di VR, presentato dagli ingegneri di Oculus Rift a Oculus Connect 2014: una conferenza dedicata agli sviluppatori che s’è tenuta a Los Angeles tra venerdì e sabato. Un salto di qualità – rispetto al Development Kit 2 – che riguarda sia il design, sia le caratteristiche degli occhiali per la realtà virtuale. È impossibile non notare una marcata somiglianza coi Gear VR che la stessa startup ha progettato per Samsung e Galaxy Note 4, ad esempio, migliorando il comfort del dispositivo da indossare.

A differenza del DK1 e del DK2, già consegnati a oltre 100.000 sviluppatori in 130 Paesi del mondo, Crescent Bay non è ancora pronto per essere distribuito. È un prototipo a tutti gli effetti, destinato a porre le basi per una futura vendita al dettaglio — tanto attesa dai videogiocatori: il contributo di Samsung sembra essere stato determinante, a prescindere dal design di Gear VR, per “alleggerire” ulteriormente gli occhiali e renderli più appetibili al pubblico. Sono confermate, nel frattempo, le partnership con Epic e Unity.

Insieme al prototipo, infatti, è stata presentata Oculus Platform: una piattaforma che spazia dal browser ai dispositivi mobili per dare più valore ai contenuti degli sviluppatori e incrementarne i profitti. Una specie di App Store per la realtà virtuale su iPhone, Android e Windows Phone che completa l’esperienza degli occhiali con applicazioni native e web che siano accessibili a tutti. È essenziale – anche da questo punto di vista – il contributo di Samsung che sullo store avrà una sezione dedicata a Gear VR e Galaxy Note 4.

foto ufficio stampa