Il 21 maggio, come ci ha raccontato Federico Moretti, verrà svelata ad un evento Microsoft la nuova console che tutti stiamo aspettando, la nuova XboX 720 (o presunta tale, almeno), la quale non ha certo bisogno di presentazioni dato il successo più che discreto della precedente generazione.

C’è qualcosa, comunque, che è necessario dire a proposito della nuova console e di tutto quello che vi ruota attorno: la XboX 720 si discosta infatti dal mondo tradizionale delle console, avanzando nuove proposte e diventando secondo me una realtà imprescindibile alla quale la concorrenza dovrà necessariamente far fronte.

La nuova piattaforma infatti non sarà incentrata sui giochi, bensì sui rapporti che legano le persone, in una sorta di social network in cui i giochi effettivi (i cosiddetti titoli) costituiscono soltanto una parte del mosaico. Microsoft è infatti al lavoro su una nuova piattaforma di condivisione e fruizione dei video, da integrare nell’XboX 720, e renderà la propria creatura molto più orientata alla visione di contenuti sul monitor, e alla condivisione di questi e dei propri status update. È già noto infatti che verranno incluse feature per la TV, e applicazioni tra cui quasi sicuramente Twitter e Facebook.

Unito a tutto ciò, il controllo vocale che molto probabilmente comparirà all’interno del parco delle caratteristiche sarà secondo me la chiave perché la console riesca a conquistare le masse: le persone infatti grazie al controllo vocale, alla possibilità di condividere contenuti in rete con pochi gesti, e all’integrazione con i media, si sentiranno catturate all’interno di una nuova dimensione dell’infotainment casalingo.

E i giochi? C’è spazio anche per loro: in fondo l’XboX è sempre stata una console per videogiochi, e seppur ormai resa una media platform piuttosto che una console in senso stretto, sono sicuro che Microsoft saprà stupirci anche in quel senso. Sarebbe un peccato se tutto il lavoro che finora verteva sul settore del gaming, e che ha fatto nascere capolavori immortali come Age Of Empires e Halo, venisse convertito in ore/uomo su altri fronti.

Non trovate?

Photo credits: Patrick Brosset via photopin cc