Nokia è tornata. La società finlandese, nell’ultimo trimestre del 2012, ha superato le aspettative di guadagno grazie ai Lumia e Windows Phone che ha sorpassato per la prima volta i dispositivi venduti con Symbian: il sistema operativo che Nokia mandò in pensione due anni fa, ma che ha ancora una consistente quota di mercato. Il merito è soprattutto delle fotocamere. Le fotografie dei Lumia hanno una qualità che i consumatori giudicano superiore e non stento a credere che l’impressione sia corretta, avendolo provato di persona.

Tra ottobre e dicembre sono stati venduti 2,2 milioni di Lumia con Windows Phone, la metà del totale dei mesi precedenti. Numeri inferiori a quelli di iOS e Android, che la fine delle vacanze natalizie potrebbe ridimensionare: è stato sufficiente, comunque, affinché Nokia potesse tornare a “correre” in borsa. Il segreto del ritrovato successo sarebbe PureView, una tecnologia che permette a Lumia 920 di scattare ottime fotografie con scarsa luminosità. Nokia prevede di migliorare ulteriormente questa soluzione nel corso del 2013.

Silvio Gulizia ha delle riserve sul sistema operativo, mentre Gabriele Pannacci che lo utilizza ogni giorno ha saputo illustrarci gli aspetti positivi di Windows Phone. Io trovo che per gli utenti finali sia fantastico: secondo Nokia, anche un bambino potrebbe avere fra le mani un Lumia 920 e scattare fotografie da professionista. Beh, non sono certo che la qualità sia davvero paragonabile a quella delle reflex… ma da quel punto di vista i Lumia hanno proprio una marcia in più. Banalmente, montano il flash che altri non hanno.

Non dovete acquistare un Lumia 920 per rendervene conto. La mia ragazza, per esempio, ha un 610 con Windows Phone 7.5 che è stato sostituito dal 620 che installa la versione 8 e lo monta. Nokia distribuisce delle applicazioni complementari a PureView che, se mi permettete il neologismo, portano la lumiografia a essere migliore dell’iphonografia. Il problema sono gli altri: Instagram potrebbe non arrivare mai sul sistema operativo e nonostante gli errori sulla privacy è tuttora l’app più utilizzata in questo segmento di mercato.

A boicottare, per modo di dire, i Lumia è anche Google che non intende sviluppare le proprie applicazioni per Windows Phone. Basteranno i recenti risultati positivi perché cambi idea? Se Maps è tornato disponibile, le cose potrebbero andare finalmente per il verso giusto. La “corsa” sugli smartphone dovrebbe diventare una questione a tre, molto positivo per la competitività: Nokia ha dalla sua l’integrazione con Windows 8 che del sistema recupera la nuova interfaccia grafica, che spaventa gli utenti provenienti da XP, Vista e 7.

Un ultimo grave problema deriva dalla stessa Microsoft. Accennavo ieri ai difetti di Skype che ha integrato Outlook e Outlook.com per sostituire Messenger, ma non ha risolto l’idiosincrasia con Windows Phone: la multinazionale ha soltanto due mesi per correggere la rotta. Considerando la conclamata popolarità dalle fotografie scattate con gli smartphone, però, la carenza d’applicazioni e la gestione dei contatti sono in secondo piano. Instagram o no, i Lumia fotografano meglio della concorrenza… e i consumatori lo percepiscono.

Photo Credit: Jon Fingas via Photo Pin (CC)