Nokia ha pubblicato venerdì le specifiche per la stampa tridimensionale delle cover di Lumia 820, uno dei nuovi smartphone con Windows Phone 8. Il “guscio” è un accessorio essenziale perché riduce il rischio di compromettere il funzionamento dei dispositivi, soprattutto se dovessero cadere: penso che chiunque possegga uno smartphone l’abbia acquistato. Nokia ha voluto offrire gli schemi del 3D printing affinché chiunque possa stamparlo da sé od ordinarlo su misura da terzi. Secondo Nokia, arriveremo persino a stampare i device.

La stampa tridimensionale, oggi, ha dei prezzi più contenuti grazie a macchinari costruiti con Arduino, Raspberry Pi o altri dispositivi a basso costo. Essendo in gomma, la cover di Lumia 820 potrebbe essere stampata in casa da molti appassionati d’elettronica oppure commissionata a uno dei tanti servizi disponibili online. Meglio che acquistarla in negozio, specie se volete personalizzarne i colori: il successo degli smartphone di Nokia è legato alle fotocamere e quest’opzione ha aperto degli scenari interessanti per il futuro.

Immaginate, infatti, che i produttori di smartphone pubblichino le specifiche dei componenti permettendo la personalizzazione del device. Dubito che qualcosa del genere potrebbe riguardare Apple, iOS e gli iPhone. Però, Android sarebbe la soluzione ideale per costruire un dispositivo con hardware e software modificati. Ovvio, i circuiti stampati e i micro-chip non sono facili da realizzare quanto una cover: bisognerà affidarsi a dei professionisti. La decisione di Nokia sarà certamente discussa alla #MobileRumble di questa sera.