Durante il mese di Gennaio ho avuto modo di utilizzare come primo dispositivo il nuovo phablet di Nokia, il  Nokia Lumia 1520. Il primo phablet con a bordo Windows Phone 8 non ha deluso le mie grandi aspettative ed è riuscito a farmi apprezzare una categoria di dispositivi fino ad ora osservata con molta diffidenza.

Nokia Lumia 1520 è un dispositivo che già dalla presentazione ufficiale e dal primo hand-ons mi aveva colpito nonostante le dimensioni esagerate del suo display. Il primo impatto è stato ottimo, a colpirmi subito sono stati: il display da sei pollici Full HD (oltre che ampio), la nuova visione di Windows Phone 8 Black e l’ottima sensazione di stabilità offerta dal phablet.

Una volta acceso, il Nokia Lumia 1520 mi sono accorto di essere davanti a un altro smartphone Windows Phone, la versione del sistema operativo non differisce di gran lunga rispetto a quella del mio Nokia Lumia 1020, ma offre una differente esperienza utente. Dopo qualche giorno di utilizzo sono riuscito ad apprezzare la possibilità di creare tre diverse colonne di tiles per organizzare al meglio le app nella home.

Da subito mi sono accorto di aver tra le mani uno smartphone non solo XL nelle dimensioni ma anche nelle caratteristiche tecniche, degne di nota:

  • processore Snapdragon 800 quad-core da 2.2 Ghz;
  • display FHD da 6″ con risoluzione 1920×1080 pixel e 365 ppi;
  • 2 GB di memoria RAM;
  • 32 GB di storage interno con possibilità di espanderlo fino a 64 tramite MicroSD;
  • Buetooth: 4.0, LTE, WLAN IEEE 802.11 a/b/g/n/ac , NFC;
  • batteria da 3400 mAh.

Specifiche da urlo e un’ottimizzazione degna di nota. Ho voluto mettere in difficoltà il terminale ma non ci sono riuscito, pure tenendo una ventina di app aperte, il Lumia 1520 non si è impallato, è riuscito a gestire il carico di lavoro in maniera eccelsa, senza alcun rallentamento o impuntamento, il processore Snapdragon, nel concreto si fa sentire. Ottimizzazione che non solo si fa sentire nelle prestazioni, ma anche nella batteria, con questo Lumia infatti sembra terminato l’incubo del battery drain. Una volta rodato, sono riuscito ad ottener risultati fino ad ora impensabili come rimanere due giorni senza caricare il dispositivo.

Ad essere stato portato ad un livello superiore è il comparto multimediale: operazioni come la riproduzione di un video o di una traccia o di un gioco, con questo terminale è risultato un piacere, complici degli speaker davvero potenti capaci di offrire un suono pulito e omogeneo. Ottima la fotocamera, che mostra i muscoli con i suoi 20 megapixel e la classica tecnologia PureView. Abituato a Nokia Lumia 1020 i risultati mi sembravano insufficienti, una volta messo da parte il camera phone e utilizzato esclusivamente questo terminale mi sono dovuto ricredere.

Un dispositivo davvero ottimo sotto tutti i punti di vista, che come i predecessori soffre della mancanza di alcune app. Un gap che piano piano si sta colmando grazie all’attenzione sempre maggiore delle aziende, pronte ad effettuare gradualmente dei porting delle proprie app su questa piattaforma.

Nokia Lumia 1520 è disponibile al prezzo di 689.90 euro sul sito ufficiale, è comunque possibile risparmiare qualche euro acquistandolo dalle grandi distribuzioni di elettronica. Una spesa importante per uno smartphone molto interessante ad ogni tipologia di utente. Finalmente un phablet progettato per essere tale e non una versione extra large di un altro smartphone.