Nokia – intesa come la multinazionale finlandese e non il comparto ceduto a Microsoft – ha portato HERE, il principale dei suoi prodotti, su Android: la app non è disponibile per tutti i dispositivi che installano il sistema operativo di Big G… ma soltanto sui Galaxy. Un’esclusiva di Samsung che, quando sarà commercializzato in ottobre, installerà le mappe anche sul nuovo Gear S con Tizen. È una decisione che probabilmente renderà ancora più tesi i rapporti già incrinati fra i Sudcoreani e Mountain View, escludendo Google Maps.

Oltre a Gear S, HERE Maps sarà disponibile sugli altri device che installano Tizen: al momento esiste soltanto Z, lo smartphone che Samsung s’appresta a lanciare in Russia per l’ultimo trimestre dell’anno. Restano esclusi dalla beta tutti i dispositivi con Android – eccetto i Galaxy, ovviamente – e Android Wear. Un’operazione che serve a Nokia per incrementare il proprio business e alla società sudcoreana per allontanarsi sempre di più dalle imposizioni di Google. Come reagiranno i consumatori? I primi commenti sono emblematici.

All’annuncio hanno subito fatto seguito delle richieste di supporto per gli smartphone di Sony, HTC e altri marchi. HERE Maps non sarà (fino a nuovo ordine) disponibile su Play Store: gli utenti potranno scaricarlo da Galaxy Apps — non prima che Gear S sia sugli scaffali. Parliamo d’ottobre, quindi, anche se il comunicato stampa di Nokia ha confuso gli utenti sulla presunta disponibilità immediata della app. Non è chiarito, nonostante gli appelli, se o quando l’applicazione sarà estesa a tutti gli altri dispositivi con Android.

Photo Credit: Kārlis Dambrāns via Photopin (CC)