Nintendo Switch, la nuova console ibrida della casa giapponese che ha fatto la sua apparizione in un breve trailer di tre minuti, sta facendo molto discutere per i suoi contenuti davvero molto interessanti sul piano tecnico. Sebbene non arriverà sugli scaffali dei negozi prima del marzo del 2017, piano piano stanno trapelando nuove informazioni sul suo funzionamento ed ecosistema. Uno degli elementi che preoccupava maggiormente gli utenti era la durata della batteria utilizzando la console in modalità “portatile”. Secondo Nintendo, la console è stata sviluppata per permettere ai giocatori di poter avere un’esperienza d’uso più longeva possibile. Questo potrebbe significare che l’autonomia dovrebbe essere più che soddisfacente.

Per quanto riguarda la retrocompatibilità con i giochi Wii U e 3DS sembra che ci siano solo parziali buone notizie. La nuova piattaforma di gioco è, infatti, totalmente nuovo e non ha nulla a che fare con le vecchie console di Nintendo. Tuttavia sembra che i problemi di compatibilità possano sussistere solamente con i giochi in formato fisico e non con le versione digitali. Su questo tema, ovviamente, se ne saprà di più nel corso dei prossimi mesi. Nessuna notizia, invece, sulla possibilità di utilizzare i giochi sviluppati per smartphone e tablet pc. Su questo argomento Nintendo non si è ancora espressa.

Sebbene specifiche hardware precise non siano uscite, chi teme che la Nintendo Switch possano non offrire buone prestazioni, potrebbe gradire l’ultima indiscrezione che da la nuova console giapponese possedere una potenza molto simile a quella della PlayStation 4.

Nintendo Switch continua a diventare sempre più interessante anche se la vera differenza, probabilmente, la farà solamente il prezzo che dovrà essere molto competitivo per pensare di poter davvero rivaleggiare alla pari con PS4 e Xbox One.