Nexus 6, che potrebbe pure chiamarsi Nexus X, non ha più segreti: sono emerse le caratteristiche di Shamu — nome in codice del prossimo smartphone prodotto da Motorola con Android L [vedi gallery]. Il phablet sarà molto simile al nuovo Moto X, ma avrà uno schermo ingrandito a 5.92″ a 2560×1440 pixel per 498PPI. Il processore dovrebbe essere uno Snapdragon 805 di Qualcomm a 2.6GHz quad-core e la RAM potrebbe arrivare a 3Gb con tagli da 32Gb e 64Gb di memoria interna. Quanto alle fotocamere, posteriore da 13MP e anteriore da 2MP.

Atteso per il prossimo 16 d’ottobre insieme al Nexus 9 di HTC, la scheda tecnica di Shamu conferma i rumor estivi a eccezione della fotocamera principale che avrebbe un megapixel in più. Se il prezzo di Moto X s’aggira sui cinquecento/seicento dollari è difficile che un Nexus X possa costare meno di quella cifra: Google ha cambiato i propri piani e – nonostante il rinvio del programma Android Silver – iniziato a competere sulla fascia medio-alta con dispositivi come l’iPhone 6 Plus, sempre a 64-bit con iOS 8, e il Galaxy Note 4.

La strategia ha un senso, avendo proposto Android One per gli smartphone low cost, però i consumatori saranno disposti a pagare tanto per il nuovo Nexus o preferiranno affidarsi ad Apple e Samsung? Una domanda cui potremo rispondere soltanto dopo l’uscita dei nuovi dispositivi. Sia Nexus 6, sia Nexus 9 saranno inseriti in un mercato inedito per Big G… e un confronto diretto con gli iPhone – nonostante la maggiore diffusione globale di Android – potrebbe causare un danno d’immagine a Mountain View, se i numeri non convincessero.

Photo Credit: Anderson Leonardo via Photopin (CC)