Nexus 6 è disponibile in pre-ordine su Amazon per l’Italia a 699€ nel colore blu a 32Gb: la società di Jeff Bezos – che gestisce direttamente l’offerta – promette di vendere il phablet di Motorola al prezzo minimo garantito che per Google dovrebbe essere di 649€ per la versione a 64Gb e 569€ per il taglio più piccolo cui l’annuncio è riferito. Com’è possibile una tale differenza di prezzo fino a 130€? Big G non ha ancora avviato i pre-ordini su Play Store e perciò nel nostro Paese entrambe le varianti potrebbero costare di più.

La questione del minimo garantito su Amazon dovrebbe portare a un ridimensionamento, qualora fossero confermati i prezzi annunciati. Google ha già iniziato ad accettare i pre-ordini per Nexus 9, il tablet prodotto da HTC, ma Nexus 6 dovrebbe comparire su Play Store soltanto da mercoledì 29 ottobre ed essere spedito entro il Natale. Che differenza rispetto al passato! Non sono giusto le dimensioni del phablet a cambiare la strategia di Big G che – coi precedenti smartphone della gamma – aveva attratto la fascia media del settore.

Certo, rispetto a iPhone 6 Plus (col quale dovrebbe competere) Nexus 6 ha uno schermo un po’ più grande e una maggiore risoluzione: il phablet di Motorola, prendendo per buoni i prezzi di Google, a parità di taglio da 64Gb costa 300€ in meno. Aspetto, questo, che non lo rende certo un low cost… ma denota comunque una diversa politica per Android 5.0 Lollipop. Le caratteristiche del dispositivo sono di tutto rispetto e gli altri concorrenti da sei pollici come Galaxy Note 4 di Samsung s’aggirano attorno agli otto-novecento euro.

foto ufficio stampa