Netflix da un po’ di tempo ha introdotto l’utile possibilità per i suoi abbonati di poter scaricare offline alcuni dei suoi contenuti originali. Opzione molto utile per poter visionare film e serie tv dal proprio smartphone anche in assenza di connettività. Tuttavia, c’è un dettaglio poco noto legato a questo servizio e cioè che i contenuti non possono essere scaricati per quante volte vuole l’utente. La TV in streaming, infatti, limita il download massimo dei contenuti.

Ogni volta che un utente riscarica il medesimo film o la stessa puntata di una serie tv, questo contatore invisibile aumenta sino a che l’applicazione informerà che rimane solamente una ulteriore possibilità di scaricare il contenuto prima di un certo periodo (solitamente un anno dalla data del primo download). Raggiunto il limite, il film o la serie tv non potranno più essere scaricate.

Un limite fastidioso soprattutto perchè un contenuto scaricato ha una scadenza, cioè può essere visionato solo entro una certa data e dovrà essere scaricato nuovamente per poterne sempre fruire offline. La soglia massima, dunque, in alcuni casi può essere facilmente raggiunta.

Limite che probabilmente è stato imposto da chi detiene i diritti d’autore e non da Netflix stesso. Il problema è che questo limite non è mai stato specificato e soprattutto non è chiaro quanti siano i download massimo possibili per ogni contenuto.

L’auspicio è che Netflix possa presto fare chiarezza su questo aspetto.