Spunta una data “ufficiosa” per l’arrivo di Netflix in Italia. Secondo la prestigiosa rivista Variety entro il mese di ottobre vedremo anche nel nostro paese la TV web che offre uno dei migliori servizi di streaming online on-demand disponibili sulla piazza. Fino a questo momento l’unico modo per utilizzare il servizio dall’Italia consiste nell’accaparrarsi un indirizzo IP statunitense per simulare una connessione dall’estero via VPN (Virtual Private Network) e abbonarsi al Netflix USA, che ovviamente propone solo contenuti in lingua originale.

L’articolo del settimanale Variety, specializzato nella pubblicazione di notizie riguardanti l’industria cinematografica, dichiara di aver sentito le parole “Netflix”, “Italia” e “Ottobre” in un meeting organizzato dall’agenzia Business Location Sudtirol a cui ha partecipato anche la Alto Adige Film Fund & Commission. A quanto pare, all’incontro erano presenti manager specializzati in media e comunicazione, provenienti da mezza Europa.

Vengono quindi confermate le indiscrezioni sull’imminente lancio italiano, collocato nell’ultimo trimestre dell’anno, che circolavano da qualche tempo. Anche Variety fa notare che l’infrastruttura nostrana potrebbe non essere pronta per affrontare il fiume di contenuti del colosso dello streaming e che la poca penetrazione della “vera” banda larga potrebbe rappresentare uno dei motivi per cui il servizio di Netflix sta impiegando così tanto tempo per arrivare sul nostro territorio.

Anche Variety nomina poi Telecom Italia come provider partner dell’iniziativa. Telecom che sta lavorando proprio ad una nuova ultra-connessione basata su reti ultrabroadband FTTCab (Fiber to the Cabinet) con velocità di 50 Mb al secondo in download e 10 Mb in upload. La possibilità di accedere al servizio di Netflix, che offre film e serie televisive (più di 8000 titoli) ad un prezzo “flat” molto accessibile, dovrebbe comunque prescindere dal provider utilizzato dallo spettatore.