Netflix è ufficialmente sbarcato a Cuba, seppur i termini di utilizzano prevedano condizioni ben precise che non tutti i cittadini potranno soddisfare. La compagnia di Los Gatos, infatti, richiede un metodo di pagamento internazionale e un accesso ad internet, che potrebbero limitare notevolmente il livello di audience.

Dal 1962, gli Stati Uniti hanno imposto importanti restrizioni commerciali e di viaggio verso Cuba, isola che dista circa 93 miglia dalla costa della Florida. Lo scorso dicembre, il presidente Barak Obama ha annunciato un allentamento delle restrizioni e la prima azienda a espandersi verso Cuba è proprio Netflix. Il famoso servizio di film e serie TV in streaming offrirà l’opportunità di vedere anche la più famosa serie House of Cards – Gli intrighi del potere, che vede come attore principale Kevin Spacey e in Italia è trasmetta da Sky Atlantic.

Adesso, gli abitanti di Cuba possono guardare Netflix siglando l’abbonamento venduto al prezzo di 7,99 dollari al mese. Tuttavia, secondo le statistiche dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni, solamente il 25,7% della popolazione, su 11 milioni, possiede una connessione ad internet e anche l’elevato costo, in media 40 dollari al mese, è un altro punto a sfavore. L’arrivo di Netflix a Cuba, seppur possa essere considerato un importante passo in avanti, secondo alcuni, è più in via teorica che pratica, come dimostrano i dati riguardanti la penetrazione di internet all’interno del paese.

Netflix arriverà in Italia?

Per quanto riguarda, invece, lo sbarco di Netflix in Italia, quest’ultimo continua ad essere ancora un miraggio. Buona parte della rete internet italiana non permette di effettuare streaming di contenuti in HD, dal momento che in molte zone la stabilità e la velocità delle linee non è sufficiente a supportare un traffico dati elevato. Il debutto di Netflix a Cuba è un segnale che potrebbe far sperare gli italiani, visto che secondo le ultime indiscrezioni il lancio potrebbe avvenire entro il 2015. A conferma di ciò vi è l’indiscrezione secondo cui Netflix abbia in programma di essere disponibile in 200 paesi entro la fine del 2015. Il servizio di streaming sarà lanciato anche in Australia e Nuova Zelanda, nel mese di marzo, mentre in Giappone arriverà entro la fine dell’anno.