Il mercato dello streaming televisivo corre molto forte in Italia. Netflix possiede, oggi, ben 800 mila abbonati. A seguire TIMvision con 600 mila abbonati e poi Infinity con 300 mila e NOW TV con 250.000. Complessivamente, considerando tutti i servizi “OTT” (Ovet The Top), cioè tutti quelli veicolati attraverso lo streaming, a giugno 2017, il numero degli utenti è salito di 2,9 milioni di unità, portando, in Italia, il mercato a 19,1 milioni. Numeri davvero impressionanti che mostrano, soprattutto, una rapida crescita.

Nello specifico, il 52% degli 19,2 milioni di utenti, accede a servizi in streaming gratuiti in mobilità. Il 30% è abbonato ad un servizio a pagamento. Secondo l’osservatorio “Osservatorio EY” che ha pubblicato una ricerca da cui emergono tutti quei interessanti dati, tra i contenuti a pagamento preferiti ci sarebbero cinema e serie tv. Tra quelli gratuiti, invece, i contenuti d’intrattenimento.

Secondo lo studio, a favorire la crescita dei servizi streaming, la sempre più massiccia richiesta di connettività a banda ultralarga. Agli italiani piace, dunque, molto lo streaming e lo testimoniano i numeri degli abbonamenti sopra citati.

Tra le piattaforme gratuite che vanno per la maggiore ci sarebbero, invece, RaiPlay, Mediaset.it, Play e La7.it. Infine, la ricerca evidenzia che anche la piattaforma Amazon Prime Video avrebbe avuto un buon debutto con un’utenza stimata tra i 300 mila ed i 400 mila utenti.