Molto presto gli acquisti online effettuati da smartphone si pagheranno con un selfie. MasterCard, infatti, dal Mobile World Congress 2016 di Barcellona, ha annunciato la prossima disponibilità di un sistema di autenticazione che sfrutterà non solo i selfie ma anche il riconoscimento delle impronte digitali per approvare le transazioni online. Questa nuova piattaforma di pagamenti è già stata sperimentata in America ed in Olanda, dove il 92% dei tester ha preferito questo nuovo sistema piuttosto che quello tradizionale basato sulla password.

Trattasi di un sistema di autenticazione sicuro che dovrebbe permettere di diminuire le frodi informatiche sulle transazioni anche se alcuni esperti di sicurezza avvertono che potrebbe essere facile aggirare il sistema. Questa nuova piattaforma di autenticazione sarà disponibile la prossima estate in Inghilterra Stati Uniti, Canada, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Italia, Francia, Germania, Svizzera, Norvegia, Svezia, Finlandia e Danimarca. Per poterla utilizzare, gli utenti dovranno, anche, dotarsi di un’applicazione creata ad hoc da installare su smartphone o tablet pc.

Tuttavia, gli acquirenti, per perfezionare la transazione, dovranno, comunque, inserire ancora i dati della loro carta di credito con la sola differenza che per convalidarla sarà necessario usare l’impronta del dito o il riconoscimento facciale garantito dai selfie.

L’app di MasterCard è stata sviluppata per aggirare il problema del possibile utilizzo di foto per bypassare la verifica del volto. Gli utenti, infatti, dovranno muovere le palpebre durante la verifica del loro viso.

MasterCard non è, però, la prima società ad utilizzare queste soluzioni come sistemi di sicurezza. Si pensi, per esempio, a Windows 10 con Windows Hello che utilizza il riconoscimento dell’iride, o a PayPal che già oggi permette di autorizzare le transazioni da mobile attraverso il riconoscimento delle impronte digitali.