L’edizione 2013 del Mobile World Congress di Barcellona si è appena conclusa, ed è quindi giunto il momento di tirare le somme e valutare quello che abbiamo visto.

In questa edizione mancava il grande padiglione Android che negli ultimi due anni attirava masse di visitatori in una sorta di luna park comprensivo di scivoli e bar. Non abbiamo visto la corsa a gadget collezionabili fra gli stand partner del colosso di Mountain View. E non abbiamo visto lo stand di Windows Phone che comunque era sponsor della Mobile World Live, la TV ufficiale trasmessa dentro e fuori dal complesso della nuovissima Fira Gran Via. Forse è per questo che molti giudizi in rete hanno descritto un MWC un po’ sotto tono, ma al contrario io penso ci sia stato un ritorno alle origini con un evento più professionale e orientato al prodotto. Proviamo a dare i voti ai vari stand che abbiamo visitato durante l’evento.

ASUS – voto 9

Tutti i rumor precedenti la manifestazione indicavano che Asus avrebbe presentato uno smartphone ed un tablet con funzionalità telefoniche, ma a sorpresa il CEO Johnny Shih, che quest’anno si è dilettato in giochi di illusionismo sul palco confermandosi fra i più simpatici dirigenti aziendali, è stato invece il nuovo Padfone Infinity che senza alcun dubbio eleggo miglior device della fiera.

L’Asus Padfone Infinity è composto da un sottile e leggero smartphone 5” FHD con una scocca completamente in alluminio, e con specifiche tecniche al top (processore Snapdragon 600, 2GB RAM, fotocamera da 13Mpx) che inserito nell’apposita dock si trasforma in un tablet da 10.1” anch’esso con display Full HD e anch’esso con una scocca in alluminio piacevole al tatto.

Accanto al nuovo Padfone è stato presentato l’anticipato Asus FonePad da 7” in grado di compiere telefonate, oltre ad essere il primo device Android con processore Atom di Intel. Ed è stata annunciata la Asus Open Cloud Computing che combina diversi serizi di cloud, inclusi Dropbox, Skydrive e Google Drive, in un unico tool.

HTC – voto 8.5

Chi mi conosce sa che sono un fan di HTC fin dal lontano 2004, quando per la prima volta mi trovai fra le mani il primo smartphone della casa taiwanese (il Canary o SPV). E da allora l’azienda non mi ha mai deluso, con prodotti curati sia dal punto di vista dell’hardware che del software. Il nuovissimo HTC One non è da meno: anche in questo caso abbiamo una scocca completamente in alluminio e un display Full HD che nascondono un processore Snapdragon 600 con 2GB di RAM, ma soprattutto la nuova tecnologia Ultrapixel per scattare foto di ottima qualità. L’HTC One è stato eletto migliore smartphone del MWC e non posso che condividere in pieno questo giudizio.

HUAWEI – voto 8

Il colosso cinese è arrivato prepotentemente al terzo posto globale fra i produttori di smartphone, dietro solo a Apple e Samsung, e ha dichiarato di non volersi fermare qui. L’azienda ha tutte le carte in regola per competere per la prima posizione.

Lo stand Huawei ci ha presentato un’ampia gamma di prodotti a un prezzo competitivo, fra i quali spiccava il nuovissimo Huawei Ascend P2, lo smartphone più veloce che grazie alla categoria 4 della tecnologia LTE può raggiungere i 150Mbps in download. Ascend P2, con un design elegante e ottime caratteristiche tecniche, sarà venduto nel Q2 a 399 euro.

Accanto allo smartphone più veloce abbiamo trovato il più grande: Huawei Ascend Mate con display da ben 6.1” che sarà venduto fra 399 e 449 euro. Non mancavano poi i prodotti della serie G, come il vendutissimo Huawei Ascend G615, e il Windows Phone Huawei Ascend W1. Una gamma completa per un brand che sta meritatamente crescendo anche in Italia.

SONY – voto 7.5

Sony non ha portato alcun nuovo device al MWC, ma ha confermato la gamma presentata allo scorso CES di Las Vegas. Ho potuto però finalmente provare con mano il nuovo Sony Xperia Tablet Z che eleggo miglior tablet dell’evento, grazie soprattutto al design sottile e molto elegante e al display con Bravia Engine dalle prestazioni strabilianti. Presente anche lo smartphone flagship Sony Xperia Z, anch’esso molto bello ed elegante.

BLACKBERRY – voto 7.5

Pur non avendo un proprio stand all’interno della fiera, BlackBerry era presente subito fuori presso un complesso di uffici oltre che ad altri eventi in città. Devo dire che per primo ero scettico sulle qualità del nuovo sistema BB10, ma mi sono bastati pochi minuti con il BlackBerry Z10 in mano per prendere confidenza con le principali funzioni dello smartphone ed apprezzarne le capacità. Non so se questo device sarà sufficiente a riportare l’azienda canadese ai livelli che ricopriva qualche anno fa, ma senza dubbio posso affermare che è stato fatto un ottimo lavoro.

ALCATEL ONE TOUCH – voto 7.5

Fra le sorprese di questo MWC compare sicuramente Alcatel, che festeggia i suoi venti anni di attività nel mondo della telefonia mobile con una nuova gamma di smartphone colorati e dual-SIM. Dopo essersi affermata come produttore di telefoni dual-SIM di fascia bassa, l’azienda di proprietà del gruppo cinese TCL Communication ha proposto una serie di nuovi prodotti inclusi nelle famiglie One Touch Idol, tutti dotati di ampio display e caratteristiche tecniche medio-alte, e One Touch Scribe, con pennino capacitivo. Molto belli anche il One Touch Star, dal design che ricorda iPhone 4, e One Touch Fire, il primo con sistema Firefox OS. Senza dubbio una serie di prodotti che meritano di essere presi in considerazione da chi cerca un nuovo smartphone dall’ottimo rapporto qualità-prezzo.

ACER – voto 7

Un’altra azienda che punta su smartphone dual-SIM è la taiwanese Acer, che a Barcellona ha portato i nuovi Acer Liquid E1 (di fascia media) e Acer Liquid Z2 (entry-level), entrambi con Android Jelly Bean, ottime prestazioni multimediali e prezzi altamente competitivi. L’obiettivo, come detto dai manager dell’azienda, non è quello di competere con i top player, ma di sicuro sarà possibile ritagliarsi una fetta del mercato di fascia medio-bassa. In aggiunta ai due smartphone e ai tablet su piattaforma Android e Windows, vale la pena di segnalare il nuovo tablet Acer Iconia B1 da 7” e dal prezzo di soli 119 euro.

LG – voto 7

Non ci sono dubbi che LG abbia commesso diversi errori nel 2012: i manager dell’azienda coreana ne sono consapevoli e affermano che in questo nuovo anno cercheranno di rimediare e di riconquistare la fiducia degli utenti. Il prodotto flagship, LG Optimus G, è molto bello e offre una serie di funzioni software esclusive che lo mettono in diretta competizione con i top di altri produttori; la nuova serie Optimus F si propone di portare a tutti la connettività LTE grazie al prezzo contenuto, mentre la serie Optimus L II è rivolta a chi cerca smartphone funzionali e ad un prezzo accessibile. Presenti allo stand anche i phablet Optimus G Pro e Optimus Vu II, che però non sono previsti per il mercato italiano.

NOKIA – voto 7

Al suo secondo MWC dopo la conversione a Windows Phone, e a seguito dell’ufficializzazione della morte di Symbian, Nokia completa la sua gamma di smartphone Lumia con due nuovi modelli: l’entry-level Nokia Lumia 520 e il medio Nokia Lumia 720 si aggiungono ai tre modelli già esistenti. Particolarmente interessante il Lumia 720, il più sottile e leggero dei Lumia con una fotocamera dotata di apertura f/1.9, la più luminosa fra quelle presenti in uno smartphone. Non ci sono dubbi che l’azienda finlandese stia lavorando molto duro per tornare ai vertici del mercato della telefonia, anche con il lancio della piattaforma Nokia Here e del servizio Nokia Music+. Speriamo che anche Microsoft faccia la sua parte colmando le lacune del suo OS mobile. Peccato poi non aver visto i modelli in alluminio e l’annunciato Nokia EOS, per i quali dovremo aspettare ancora qualche mese.

ZTE – voto 7

ZTE è un nome che non dice molto ai più, ma non ci sono dubbi che sia fra i più importanti produttori di dispositivi mobili: ad oggi occupa il quarto posto mondiale nel mercato smartphone. Con un focus incentrato sulla tecnologia LTE, i due nuovi modelli presentati al MWC rappresentano entrambi un primato: lo ZTE GrandMemo è infatti il primo smartphone con processore Snapdragon 800, sebbene gli esemplari visti in fiera fossero dei prototipi pre-produzione, mentre lo ZTE Open è il primo device con Firefox OS a raggiungere il mercato. Peccato che le possibilità di vedere in Italia il primo siano molto basse.

SAMSUNG – voto 6

Anche quest’anno Samsung ha vissuto un MWC di rendita: nonostante le enormi dimensioni dell’area espositiva le novità erano ben poche e rappresentate solo dal Samsung Galaxy Note 8 il quale, per stessa ammissione dei manager dell’azienda, non è altro che un Note II allargato e con le stesse funzioni. L’attesa è tutta rivolta verso l’evento “Unpacked” del prossimo 14 Marzo in cui verrà svelato l’attesissimo Galaxy S IV.

MOTOROLA – voto 5

Dopo l’acquisizione da parte di Google non abbiamo visto molte novità da parte di Motorola. L’azienda ha subito una ristrutturazione che, fra le altre cose, ha portato alla chiusura della filiale italiana, e alla mancata disponibilità nel nostro paese dei modelli più recenti, ed anche il ridotto stand in fiera sembrava una semplice rappresentanza. Rumor insistenti parlano di un Motorola X Phone che dovrebbe arrivare in occasione del prossimo Google I/O, staremo a vedere e soprattutto speriamo venga commercializzato anche in Italia.

ALTRI

Fra gli altri produttori voglio includere la russa YotaPhone, che ha proposto uno smartphone dal doppio display: un LCD classico da una parte e un eInk dall’altra. Quest’ultimo è utile per conservare la batteria quando si vuole leggere o consultare le email sullo schermo in bianco e nero, ma le funzioni sono ancora piuttosto limitate. Staremo a vedere quali saranno le evoluzioni nel successore che, ci hanno detto, è già in lavorazione e potrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

Segui @Flapic su Twitter.